Migliori Scarpe da Trekking impermeabili testate

(Ultimo aggiornamento il: 13 Maggio 2020)

L’utilizzo di un paio di scarpe da trekking impermeabili garantisce, ai tuoi piedi, di restare asciutti, anche quando sei su posti molto umidi. O addirittura dentro l’acqua! Come ben sai, i piedi asciutti sono sinonimo di salute e benessere in tutte le occasioni. Ecco che qui trovi tutte le migliori scarpe da trekking impermeabili del 2021.

Classifica Migliori Scarpe da Trekking impermeabili secondo le recensioni clienti.

Sia che tu stia passeggiando lungo un piccolo sentiero locale o che cerchi una montagna in un Parco Nazionale, un ottimo paio di scarpe da trekking puoi proteggere i tuoi piedi e assicurarti di avere molta presa nel terreno. Ma se vivi in un clima più umido o fai molte escursioni in primavera e in autunno, considera anche delle scarpe da trekking impermeabili.

Anche se non piove attivamente quando sei fuori, potresti comunque imbatterti in pozzanghere, macchie di fango e occasionali attraversamenti del torrente. Per aiutarti a rimanere comodo e asciutto, abbiamo testato le scarpe da trekking impermeabili più nuove e innovative sul mercato. Ecco i migliori artisti.

Scarpe da trekking impermeabili: Cosa le rende anti acqua?

L’audizione di “scarpe da trekking impermeabili” può far venire in mente un pescatore vestito con un mantello giallo da pioggia. Ma i modelli di oggi non fanno affidamento su una gomma spessa e pesante per respingere le precipitazioni, piuttosto hanno membrane ad alta tecnologia. Questi sono film sottili e porosi di polimero plastico come il politetrafluoroetilene espanso di Gore-Tex.

Ha 1,4 miliardi di pori per centimetro quadrato, 20.000 volte più piccoli di una goccia d’acqua. Ma il genio di tali membrane è che, mentre i pori sono troppo piccoli per far passare l’acqua liquida, sono abbastanza grandi per il vapore acqueo. Ciò significa che l’acqua dalla pioggia e le pozzanghere non possono entrare, mentre l’evaporazione dell’umidità dall’interno dello stivale, come il sudore, può sfuggire. In teoria, queste membrane sono traspiranti, ma una lamentela comune è che non si sfogano bene. Il che può rendere i piedi sudati nelle giornate calde e durante le escursioni intense.

Scarpe da Trekking impermeabili: Continua …

Come tale, devi indossare stivali impermeabili solo se pensi di camminare spesso in ambienti freschi o umidi. Preferisci fare escursioni nei giorni caldi e soleggiati? Bene, quindi vai senza la membrana (risparmierai un po ‘di soldi nel processo). Sebbene esistano diversi modelli di membrane, alcuni con spessori e livelli di impermeabilità leggermente diversi rispetto ad altri, la maggior parte sono costruzioni simili. Mentre Gore-Tex è in alcuni degli stivali che abbiamo testato, altri marchi hanno le loro membrane proprietarie come M Select Dry di Merrell, Keen.Dry di Keen e TimberDry di Timberland.

Ricorda, queste membrane fanno il loro lavoro solo fino al collo dello stivale. Per questo motivo, abbiamo scelto di testare stivali medi e alti, invece di trail runner. I marchi vendono queste scarpe da trekking impermeabili. Ma sono più adatte a tenere fuori la rugiada durante le corse mattutine, non per attraversare corsi d’acqua e sguazzare nelle pozzanghere.

Come abbiamo tesato le scarpe da trekking impermeabili.

Abbiamo camminato con queste scarpe da trekking in più di una mezza dozzina di parchi nazionali e foreste nazionali attraversandoli in lungo e in largo. Ciò ha comportato qualsiasi cosa, passeggiando lungo morbidi sentieri di pacciame e correndo lungo sentieri rocciosi e radicati a camminare su strade sterrate infuocate dal sole e polverose e arrampicarsi su percorsi pieni di pioggia. Abbiamo anche calpestato pozzanghere, fango e corsi d’acqua. Lungo la strada, abbiamo prestato attenzione alla trazione, traspirabilità, supporto e comfort generale di ogni coppia.

Abbiamo anche testato quantitativamente l’impermeabilità degli stivali pesandoli in acqua fino alla parte superiore dell’avampiede per almeno 10 minuti e, in alcuni casi, fino a un’ora. Quasi tutte le scarpe e gli stivali hanno superato il test, rimanendo completamente asciutti.

Scarpe da trekking impermeabili e non: categorie

Scarpe da trekking impermeabili

Per la stragrande maggioranza degli escursionisti, una scarpa da trekking impermeabile che cade appena sotto la caviglia è la combinazione perfetta. Le scarpe come la nostra Salomon X Ultra 3 più votata sono più rigide e più sostanziali di un trail runner per trasportare un carico leggero su terreni misti. Ma non si sentono pesantemente pesanti come uno stivale pieno.

OffertaProdotto Consigliato:
CMP Rigel Low Trekking Shoes WP, Scarpe da Arrampicata Basse Uomo, Nero (Graffite-Marine 35ud), 41 EU
  • Materiale esterno: pelle
  • Materiale interno: mesh
  • Suola: sintetica
  • Chiusura: lacci
  • Impermeabile

Inoltre, le scarpe da trekking hanno spesso una costruzione più dura rispetto ai trail runner. Con un maggiore utilizzo di pelle e nylon resistenti rispetto alla rete. La protezione da ostacoli come rocce e radici viene fornita da puntali in gomma e intersuola mediamente rigida. Le scarpe da trekking impermeabili sono anche ottime opzioni per le persone che hanno bisogno di una scarpa sostanziale per l’uso quotidiano. Basta essere consapevoli del fatto che le suole si indosseranno più velocemente sul pavimento.

Scarpe da trail running

Se vai di corsa anche nei sentieri di montagna, scegli un paio di trail runner. Queste scarpe stanno guadagnando popolarità per essere l’ultima opzione leggera, persino diventando una vista comune su PCT e AT. In effetti, un trail runner, il Brooks Cascadia, è diventato così popolare sul PCT. Ad un certo punto che i compagni attraverso gli escursionisti avrebbero cercato il modello del battistrada per verificare quale percorso seguire.

Ma questi tipi di scarpe non sono davvero intese come calzature da zaino in spalla. Anche Brooks ha fatto uno sforzo per chiarire che Cascadia non è stata progettata per le escursioni. I trail runner sono flessibili e super comodi. Ma non forniscono molto supporto alla caviglia quando si trasporta un carico pesante e hanno una protezione minima della punta e del piede. Per le escursioni veloci di un giorno o per gli escursionisti minimalisti esperti, tuttavia, un trail runner rimane un’opzione eccellente. In questo articolo abbiamo incluso un paio di fantastiche opzioni di trail running ed escursionismo ibrido. Ma puoi dare un’occhiata alle nostre scarpe da trail running preferite per una ripartizione completa.

Scarpe da roccia antiscivolo

La terza opzione ha un focus relativamente ristretto: scalatori o escursionisti che hanno bisogno di una scarpa antiscivolo per affrontare ripidi terreni rocciosi. Molti scalatori useranno una scarpa da avvicinamento durante l’escursione (da qui il nome di “avvicinamento”). Passeranno a una vera scarpa da arrampicata quando il gioco diventa verticale. Le scarpe da avvicinamento sono facili da individuare. Hanno una grande punta di gomma e una mescola di gomma appiccicosa a basso profilo sotto il piede per la massima aderenza sulla roccia.

Le scarpe possono essere molto comode nelle escursioni di un giorno, in particolare uno stile crossover come La Sportiva TX4. Ma non sono ciò che in genere consigliamo come pilota quotidiano. I gradini non sono così sicuri su sentieri fangosi e non sono comodi sotto i piedi per le lunghe giornate di trail. Se, tuttavia, le escursioni di un giorno includono molte arrampicate o arrampicate su roccia di bassa qualità, una scarpa da avvicinamento è una scelta eccellente.

Peso

Probabilmente, il cambiamento più importante nella moderna tecnologia delle scarpe da trekking impermeabili è il movimento verso design leggeri. Tessuti duri ma sottili e il passaggio da stivali sopra la caviglia a scarpe basse hanno reso molto più facile percorrere miglia importanti. Non sorprende che la maggior parte degli escursionisti ora scelga una scarpa da trekking su uno stivale in pelle tradizionale. Molte delle scarpe della nostra lista pesano 900gr o meno per un paio: al confronto, uno scarpone da zaino come l’Asolo TPS 520 punta la bilancia a quasi 1,8 kg. E sui tuoi piedi, il peso è ancora più evidente.

È vero, il calo delle once a volte influisce sulla durata a lungo termine, ma ci sono ancora un numero di avvincenti scarponcini da trekking per i tradizionalisti e coloro che necessitano del supporto extra. Per la maggior parte, una scarpa leggera è un partner molto migliore per le escursioni giornaliere, il picco di insaccamento e la notte minimalista. E finché il resto della tua attrezzatura è ugualmente leggero, ci sono pochissimi sacrifici.

Stabilità e supporto

Come riflesso della spinta verso una marcia più leggera in tutte le sfaccettature, le scarpe da trekking impermeabili e non si stanno allontanando dalla tradizionale struttura rigida di uno scarpone da trekking a favore della flessibilità e della sensazione agile. Tutte le calzature da escursionismo (ad eccezione di alcuni runner minimalisti) mantengono un certo grado di rigidità grazie ai gambi incorporati o ai supporti interni. Queste caratteristiche fanno parte di ciò che separa una scarpa da trekking (e una scarpa da avvicinamento) da un cross trainer super flessibile o una scarpa da corsa.

Per le escursioni di un giorno su terreni più piatti o meno tecnici, non possiamo raccomandare abbastanza una scarpa da trekking leggera e semi-flessibile. Scarpe come Merrell Moab 2 Ventilator e Keen Targhee Low sono le caratteristiche distintive per questi usi. Man mano che i tuoi viaggi si allungano e il tuo zaino diventa più pesante, una scarpa più sostanziosa vince ancora per noi. Guarda Salomon X Ultra 3, Arc’teryx Aerios FL o The North Face Ultra 111 per fantastiche opzioni a tutto tondo che sono egualmente abili nel conquistare le vette del vertice e lo zaino in spalla di più giorni.

Impermeabilizzazione

Una volta ristretta la ricerca delle scarpe da trekking impermeabili e non, potresti prendere in considerazione la domanda: devo impermeabilizzare o no? In teoria, l’impermeabilizzazione è una bella coperta di sicurezza se camminerai in montagna. La protezione aggiuntiva fornita con una membrana impermeabile e traspirante inserita nella scarpa è ideale per attraversamenti di insenature, precipitazioni a sorpresa o se colpisci la neve durante un trekking all’inizio della stagione.

Ma lo strato extra aggiunge peso, influisce in modo significativo sulla traspirabilità (discusso di seguito) e i design non sono sempre perfetti. Abbiamo scoperto che i modelli Gore-Tex funzionano in modo coerente e molti progetti interni funzionano in modo simile tenendo fuori l’acqua (la traspirabilità è una storia diversa), inclusa la tecnologia BDry di Oboz Sawtooth.

Continua …

La necessità o meno di impermeabilizzare spesso dipende da una scelta personale. Sei un escursionista solo estivo o vivi in ​​una zona calda e asciutta? Consigliamo una scarpa non impermeabile nella maggior parte dei casi, e alcune delle migliori scarpe di ventilazione sono Vasque Grand Traverse e Merrell Moab 2. Ma se entri nelle regioni alpine o trarrai beneficio dalla protezione aggiuntiva e dall’impermeabilizzazione modesta fornisce , ci sporgiamo dall’altra parte. La grande novità è che la maggior parte delle scarpe della nostra lista sono offerte in entrambe le varietà. Aspettatevi di pagare circa € 20 a € 30 in più per l’aggiunta di impermeabilizzazione.

Traspirabilità

La verità sulle scarpe da trekking impermeabili, anche sui costosi stivaletti Gore-Tex, è che non respirano bene. Proprio come una giacca impermeabile non sarà traspirante come una versione non impermeabile comparabile. In poche parole, le membrane impermeabili e traspiranti limitano la capacità di una scarpa di allontanare l’umidità dai piedi sudati con la stessa efficienza di una tomaia non impermeabile.

Tuttavia, non tutte le scarpe non impermeabili devono essere trattate allo stesso modo. Le calzature che presentano tessuti più sottili e molta rete aumenteranno il trasferimento di umidità e il flusso d’aria. Mantenendo i piedi meno sudati nella stagione calda e asciugando le calze inzuppate molto più rapidamente.

Continua …

Gore-Tex Surround, progettato per offrire una traspirabilità a 360 gradi sfiatando la soletta della scarpa, è un concetto intrigante, anche se costoso. È stato ben accolto in alcuni modelli, tra cui La Sportiva Spire, ma le prestazioni saranno sempre inferiori a una scarpa realizzata principalmente in mesh (per ulteriori informazioni, consulta la nostra recensione approfondita su Spire). Indipendentemente dalla tua decisione finale, ti invitiamo a pensare almeno alle calzature non impermeabili prima di selezionare il tuo prossimo paio di scarpe da trekking impermeabili.

OffertaProdotto Consigliato:
CMP Rigel Mid Wp, Scarpe da Trekking Uomo, (Arabica-Sand 69bm), 44 EU
  • Materiale esterno: pelle; materiale interno: mesh; suola: sintetica.
  • Composizione del materiale: pelle/tessuto.
  • Chiusura: lacci.
  • Impermeabile.
  • Larghezza scarpa: normale.

Sistemi di allacciatura

Facilmente trascurati, i lacci, così come il sistema di allacciatura di ganci e occhielli, svolgono un ruolo essenziale nella vestibilità e nel comfort. Se una scarpa ha un sistema di allacciatura scadente che tende ad allentarsi, ti ritroverai a doverti regolare di nuovo costantemente sulla pista.

Metti che il sistema stesso non protegge molto bene il tallone, il movimento di camminata su e giù creerà punti caldi e vesciche. Se il colpevole sono solo i lacci stessi, è una soluzione semplice: sono disponibili numerosi lacci di ricambio di buona qualità. Ma se il design del sistema non tiene benissimo il piede, ti consigliamo di cercare altrove.Alcuni modelli, tra cui Salomon X Ultra 3 e Adidas Terrex Swift R2, hanno un sistema di allacciatura a tiretto singolo.

Il design è totalmente conveniente e non abbiamo avuto più problemi di durata rispetto a uno tradizionale. Una cosa da tenere a mente, tuttavia, è che non è possibile regolare la vestibilità tra gli occhielli, quindi la calzata sarà ugualmente stretta su tutto il piede. Quelli con i piedi schizzinosi che hanno bisogno di mettere a punto i lacci per essere comodi possono essere serviti meglio evitando veloci disegni in pizzo.

Scarpe da trekking “Tomaia”

Il materiale della tomaia delle scarpe da trekking impermeabili e non, non è l’argomento più interessante, ma il controllo della costruzione può fornire utili spunti sulle sue prestazioni. Il tipo di materiale utilizzato sarà correlato direttamente con la durata, la resistenza all’acqua e la capacità di respirare di una scarpa. Molto spesso, le scarpe da trekking impermeabili e da trail sono realizzate con un mix di nylon, mesh e pelle per bilanciare costi e longevità. Tecnica è un marchio che rompe completamente la norma con un’innovativa tomaia termoformabile che imita uno scarpone da sci offrendo una calzata aderente personalizzabile. Di seguito, spieghiamo i pro e i contro per i materiali più comuni utilizzati per le calzature da trekking.

Nylon sintetico e mesh

I tessuti in tessuto sintetico (spesso in nylon vedi scarpe in mesh) e i pannelli in rete sintetica aperta sono comunemente usati per favorire la traspirazione. Questi materiali non sono così conosciuti per la loro durata, ma fanno un ottimo lavoro nel ridurre il peso. Le eccezioni includono la Salomon X Ultra 3, che è realizzata in tomaia sintetica a trama fitta che ha livelli comparabili di durabilità rispetto ad alcune pelli Nabuk.

Pelle nabuk

Realizzata in pelle pieno vigore, ma con una finitura spazzolata che ha un aspetto simile alla pelle scamosciata, la pelle Nabuk è una vista comune sulle scarpe da trekking più pesanti. La pelle soft touch è più leggera e flessibile rispetto alle tradizionali opzioni in pelle piena lucida ed è più resistente della maggior parte dei nylon. Tuttavia, manca di traspirabilità. Di conseguenza, è comune trovare un mix di pelle e rete di nylon per resistenza all’abrasione e traspirabilità, tra cui Merrell Moab e Oboz Sawtooth.

Intersuola e ammortizzazione

Scavando un po ‘più a fondo nella costruzione della scarpa, vedremo dopo la costruzione dell’intersuola. La sua importanza sta nell’ammortizzare i piedi, fungendo da ammortizzatore dagli urti e fornendo un ulteriore livello di protezione da rocce taglienti. A seconda del design, l’intersuola varia da molto sottile (runner minimalista) a rigido e sostanziale (scarpa da trekking corpulenta). La maggior parte include EVA, TPU o una combinazione di entrambi nella loro costruzione.

EVA

Intersuola in schiuma EVA sono un sito comune su calzature da corsa ed escursionismo. Il morbido materiale morbido toglie un po ‘della puntura dal tallone o dagli impatti sull’avampiede ed è anche estremamente leggero. Mentre quasi tutte le scarpe in questo elenco utilizzano una sorta di EVA, le versioni proprietarie possono variare da super morbide a leggermente rigide. Per la registrazione di miglia serie su terreni più difficili, preferiamo un’intersuola solida e solidale rispetto a un’ammortizzazione eccessiva. Quelle intersuole troppo morbide hanno anche la tendenza a rompere gli straordinari, proprio come una scarpa da corsa. In generale, si paga di più per un design dell’intersuola migliorato e un composto EVA di qualità superiore.

TPU

Il poliuretano termoplastico, (misericordiosamente) abbreviato in TPU, è una plastica resistente che si trova comunemente negli escursionisti leggeri orientati alle prestazioni. Le scarpe che usano il TPU sotto i piedi sono spesso meno comode di quelle con solo EVA ma durano più a lungo e gestiscono meglio un carico più pesante. Inoltre, manterranno la loro forma più a lungo e non saranno inclini a comprimersi come EVA. Poiché entrambi i tipi di intersuola hanno applicazioni valide e il TPU è più costoso, è comune per un produttore utilizzare un telaio o gambo in TPU per stabilità e resistenza e aggiungere EVA sotto il piede per aumentare il comfort.

Suole e trazione

Uno dei motivi principali per passare da un sottile cross trainer a una vera scarpa da trekking è per una migliore trazione. In modo che le calzature più casual non possano mai eguagliare, le calzature da trekking e da trail running salta e si dirige meglio quando il cammino diventa roccioso, scivoloso e ripido. E allo stesso modo in cui Gore-Tex domina il mercato dell’impermeabilizzazione di fascia medio-alta, Vibram abita in uno spazio simile per le suole. Il loro nome è sinonimo di presa solida e trazione su una varietà di terreni. Tuttavia, non tutti i modelli Vibram devono essere considerati uguali, in quanto il produttore di gomma adatta i propri modelli alle calzature e al marchio specifici.

Alcuni hanno alette molto più grandi sotto i piedi per una presa seria nel fango, e altri privilegiano la gomma appiccicosa per arrampicarsi sulle rocce. Ci sono anche altre opzioni entry-level che si comportano bene su percorsi più facili, come le alette che troverai sul fondo degli stivali e delle scarpe Merrell Moab 2.

Salomon è un marchio che non esternalizza le proprie esigenze di trazione. Invece, usano il loro marchio ContraGrip interno per tutti i loro modelli di escursionismo e trail running. Abbiamo scoperto che il livello di qualità e prestazioni è in linea con le offerte Vibram su tutta la linea, da qualsiasi cosa, dalle loro scarpe da trekking X Ultra 3 veloci e leggere alle corpulente scarponi da trekking Salomon Quest 4D 3.

Protezione delle dita dei piedi

I sentieri escursionistici, anche ben mantenuti, sono pieni di rocce, radici e altri potenziali pericoli, quindi raccomandiamo quasi sempre una scarpa da trekking impermeabile con un tipo di puntale. La mancanza di qualsiasi protezione sulla parte anteriore delle scarpe può portare a un viaggio che rovina l’impatto quando inevitabilmente alzi lo sguardo dal sentiero per goderti il panorama.

Le scarpe da trekking in genere hanno un puntale in gomma pieno, ma i runner a volte hanno una versione ridotta o nessuna, uno dei compromessi nella scelta di una scarpa minimalista. Le scarpe da avvicinamento, d’altra parte, hanno un’eccezionale protezione delle dita con il loro avvolgente nastro di gomma nella parte anteriore della scarpa.

Solette

Proprio come con le scarpe da corsa, le solette di serie fornite con quasi tutte le scarpe da trekking impermeabili sono generalmente economiche. Per alcuni, questo potrebbe non fare la differenza, ma per altri è ciò che separa il conforto dalla miseria. Per fortuna, rimuovere le solette è semplicissimo. E sostituirle con un modello aftermarket specifico per le dimensioni e la forma del piede può porre rimedio alla maggior parte delle malattie delle scarpe. Le nuove solette possono fornire più o meno volume per riempire la scarpa. Migliorare la calzata sotto l’arco e aumentare o diminuire il cuscino e gli urti. Ti consigliamo di dare un’occhiata alle solette Superfeet. Questo per la loro vasta scelta di opzioni e la reputazione di fiducia nelle scarpe quotidiane, scarponi da sci e calzature da trekking.
 

Scarpe da trekking contro scarponcini da trekking

Forse il più grande punto di differenziazione tra scarpe da trekking impermeabili e scarponi è l’altezza. Le scarpe hanno una calzata bassa, mentre gli stivali generalmente siedono sopra la caviglia. Le scarpe da trekking eccellono su sentieri lisci in cui le caviglie arrotolate sono meno possibili. Se si mantiene basso il peso del proprio zaino e per coloro che vogliono muoversi velocemente con meno piedi. La tradizione ci dice che gli scarponcini da trekking sono la scelta migliore per i pacchi pesanti e i sentieri accidentati, e nella maggior parte dei casi ciò vale oggi. L’altezza elevata, insieme ai lacci che trattengono la scarpa attorno alla caviglia, offrono una calzata più sicura, una maggiore stabilità e una maggiore protezione. Data la scelta, molto spesso selezioniamo una scarpa da trekking per la loro sensazione di leggerezza. Ma entrambe sono opzioni praticabili per escursioni giornaliere, zaino in spalla e insaccamento non alpino.

Conclusioni …

Nel 2021 e oltre, vediamo le linee tra le categorie di scarponi e scarpe da trekking impermeabili che continuano a confondersi. Saranno comunque separati dall’altezza, anche se alcuni stivali moderni coprono solo una parte della caviglia, ma sempre meno stivali assomigliano ai vecchi clunkers in pelle dei vecchi. Un esempio è la versione sopra la caviglia del nostro Salomon X Ultra 3. più votato.

È esattamente la stessa scarpa con le stesse caratteristiche distintive – sensazione di piuma, posizione aggressiva e vestibilità di supporto – ma il “Mid” si trova leggermente più in alto su la caviglia, pesa un paio di once in più, fornisce un po ‘più di protezione e forse un modesto aumento nella prevenzione del ribaltamento. Poiché la maggior parte delle persone si attacca a percorsi definiti, la spinta per questo tipo di calzature leggere e veloci continuerà a conquistare il mercato.