estintore a polvere o CO2? portatile o sai quale scegliere?

da | Ultimo aggiornamento 10-06-2022 | Dispositivi di protezione

Estintore: che sia a polvere o CO2, magari portatile o da 6 kg i più piccolo, sai quale è il migliore da scegliere per proteggere casa da un eventuale incendio? E le normative cosa dicono? Mi sono spesso fatto queste domande, volendone acquistare uno da tenere in garage. Ecco il motivo per il quale ho cercato di dare riscontro a tutte queste ed altre domande. Se anche tu hai bisogno di risposte, siediti un attimo ti racconto tutto quello che ho scoperto.

Estintore 2022: guida acquisto migliori oggi in commercio

Molte persone non amano sentire discorsi che riguardano come proteggere la propria casa da possibili incendi. Ma, diciamoci la verità esiste sempre una possibilità, dura da accettare, che possa scoppiarne uno. Tra assicurazioni e rilevatori di monossido di carbonio, hai un’altro strumento che puoi utilizzare da subito. Un estintore è facile, veloce ed economico e soprattutto svolge bene il suo lavoro.

La speranza è sempre quella di non averne mai bisogno, ma, credi a me, prevenire è meglio che curare. Ecco che, quindi, un articolo come questo rientra nella categoria dei prodotti da tenere bene in vista e sempre a portata di mano nel pieno della loro efficienza.

Riuscire ad estinguere un piccolo incendio prima che diventi qualcosa di irrimediabile è una ragione sufficiente che deve spingerti a trovarne un ottimo modello, ma scegliere quello giusto implica molto di più che prenderne uno dallo scaffale del negozio di ferramenta o dallo store online.

Quello che devi sapere è che alcuni modelli funzionano bene contro determinati combustibili, ma non tutti gli estintori funzionano su qualsiasi tipologia di incendio. Essere informati è una prerogativa necessaria per sapere come affrontare un’eventualità del genere.

E anche se ti stò aiutando a scegliere un ottimo estintore, direi che l’augurio è che tu non debba mai usarlo!

migliore estintore

Lo sapevi che: per utilizzare un estintore, utilizzare la sequenza che ti dico, facile e semplice da ricordare. Per prima cosa, tira il perno, quindi puntalo verso il fuoco e premi il grilletto. Mentre lo fai, fai scorrere l’ugello da un lato all’altro per spegnere le fiamme.

Estintori | classificazione

Utilizzando un sistema di classi, gli estintori sono raggruppati per i tipologie di incendi che possono affrontare ed estinguere con successo. Il tentativo di utilizzarne uno contro un tipo di incendio per il quale non è classificato, potrebbe causare la propagazione dell’incendio stesso.

L’estintore sarà chiaramente contrassegnato con le sue classi di utilizzo, quindi vale la pena capirle ed analizzarle. Inoltre, il contenitore avrà una chiara grafica stampata su di esso per indicarti i tipi di incendi per i quali è classificato.

  • Classe A: gli incendi di carta, legno e plastica sono quelli per i quali ne viene utilizzato uno di questa classe. Il grafico corrispondente, include i disegni di un bidone della spazzatura in fiamme e di un falò di legna. I solidi più comuni sono estinguenti con un’unità di Classe A.
  • Classe B: questo tipo di prodotto è progettato per liquidi infiammabili (inclusi oli e benzina) o gas infiammabili (inclusi propano o metano). Trovi l’etichetta di Classe B include una bomboletta di gas.
  • Classe C: qualsiasi incendio che coinvolge apparecchi elettrici è appropriato per uno di questa classe. Gli incendi che coinvolgono motori o trasformatori rientrerebbero in questa classe. Anche gli elettrodomestici in metallo che useresti in cucina rientrano nella stessa. Sull’etichetta si trova il disegno di una spina e una presa elettriche.
  • Classe D: utilizzare su metalli infiammabili, come alluminio, sodio o magnesio. L’etichetta che ne corrisponde ha il disegno di un ingranaggio su di esso. Difficile trovare questo raro tipo di incendio che si potrebbe sviluppare nella tua abitazione.
  • Classe K: uno di classe K è classificato per l’uso con incendi di olio da cucina. L’etichetta corrispondente è di una pentola in fiamme. Questa classe si rivolge maggiormente a ristoranti e cucine commerciali. I proprietari di case dovrebbero notare che un estintore di classe B può gestire la maggior parte degli incendi delle cucine residenziali.

La maggior parte degli estintori destinati all’uso residenziale saranno classificati di Classe A, B e/o C. Quelli di classe D e K sono destinati maggiormente ai luoghi di lavoro e industriali. Potresti sicuramente acquistarne ogni tipo, ma qualsiasi modello oltre ad A, B e/o C è probabilmente non adatta per uso residenziale.

Tieni presente che alcuni estintori sono in grado di adattarsi a più di un tipo di classe. Ad esempio, sul mercato ne troverai molti di marche famose che sono etichettati come A/B/C.

Estintore | caratteristiche e componenti principali

Il materiale contenuto al loro interno, varia da unità a unità. È utile, anzi direi fondamentale, quando si cerca di selezionare il miglior prodotto di questo tipo, per le proprie esigenze, sapere cosa c’è dentro.

  • Anidride carbonica: l’anidride carbonica si scarica a temperature estremamente basse, rimuovendo il calore dal fuoco. Soffoca il fuoco, impedendogli di ricevere ossigeno aggiuntivo. In genere troverai anidride carbonica negli estintori di classe B e C.
  • Prodotto chimico secco: questo è il tipo più comune venduto per uso residenziale. Efficace nell’abbattere gli incendi di Classe A, B e C: è un agente versatile.
  • Polvere secca: raramente troverai polvere secca in uno venduto per uso residenziale. Viene venduto principalmente per ambienti industriali come unità di Classe D, in quanto non è un materiale efficace contro altri tipi di incendi.
  • Schiuma: un materiale in schiuma in un estintore rimuove il calore dal fuoco. Impedisce inoltre all’ossigeno di raggiungere il fuoco. Un estintore a schiuma è più efficace come unità di Classe A, B o C. Questo è un altro materiale comune in articoli per uso residenziale.
  • Gas liquefatto: chiamati anche estintori con agenti puliti, queste unità sono spesso classificate come appartenenti alla classe B o C. Alcuni hanno anche valutazioni di classe A. Non lasciano residui, il che è ottimo per ambienti con motori o macchinari.
  • Acqua: questo è il metodo tradizionale per spegnere gli incendi, ma non troverai molti estintori che contengono solo acqua. Direi che solo i Vigili del Fuoco sono in grado di utilizzare l’acqua perché ne utilizzano grandi volumi ad alta pressione. Ma l’acqua è generalmente inefficace in un piccolo estintore portatile. Se questa viene utilizzata, spesso è combinata con schiuma in un’unità di Classe A.
  • Prodotto chimico umido: questo tipo di materiale estinguente si trova raramente in un’unità residenziale. Si trova principalmente in un’unità di Classe K per l’uso nelle cucine commerciali, sebbene a volte abbia anche una classificazione di Classe A.

Lo sapevi che: non devi avere paura di chiedere aiuto per imparare a usare un estintore. I vigili del fuoco sono sempre disponibili per offrirti lezioni brevi nel provare questi dispositivi.

Manutenzione, test e collaudo degli estintori

Le regole per mantenere efficace e perfettamente funzionante un estintore a casa, sono diverse da quelle che, vanno seguite per chi ne ha in azienda o in una scuola. Ma ciò non significa che puoi semplicemente appenderlo in cucina e ignorarlo.

Manutenzione

  • I Vigili del Fuoco raccomandano di ispezionare il tuo estintore portatile almeno una volta all’anno. Esaminare la valvola dell’estintore, la spilla di sicurezza e l’ugello per individuare eventuali crepe e corrosione. Un’unità con più metallo che plastica nell’area del manico durerà più a lungo.
  • Molti estintori portatili hanno un manometro. Assicurarsi che l’unità sia completamente carica, poiché potrebbe perdere la sua pressione nel tempo. Alcuni modelli devono essere agitati ogni tot di tempo per mantenere la pressione ad un livello ottimale.
  • Leggi attentamente le istruzioni sul tuo contenitore. E non dare per scontato che il tuo modello necessiti degli stessi lavori di manutenzione di un altro. Ogni modello è un mondo a parte.
  • I Vigili del Fuoco hanno autorità ad ispezionare il tuo estintore, in realtà esistono molte aziende certificate che lo fanno per una piccola cifra. Infatti, con un loro intervento riescono a testare il manometro, assicurandosi che mostri la lettura corretta ed a condurre altre prove e verifiche sulla tenuta e sul contenuto dello stesso. In questo modo avrai sempre un prodotto al 100% funzionante e pronto per l’uso.

Testa il tuo estintore

Se non ne hai mai usato uno prima, controlla con i Vigili del Fuoco oppure con le aziende certificare di cui prima, per vedere se offrono lezioni. In alternativa trovi, nei loro siti istituzionali, dei video o tutorial che te lo insegneranno.

#AnteprimaProdottoVotoPrezzo
2 Smartwares Estintore a Polvere, Tipo ABC, 1 kg Smartwares Estintore a Polvere, Tipo ABC, 1 kg Nessuna recensione 26,99 EUR

Potresti essere in grado di provarne uno portatile che hanno, solo così saprai come funziona. Questo aiuta ad avere un’idea di come l’unità si utilizza, nel caso in cui sia necessario utilizzarne una.

In una lezione di prova, alcuni vigili del fuoco o le aziende indicate, ricaricheranno anche il tuo modello portatile a pagamento. Oppure, possono farti testare il tuo e ricaricarlo per te in seguito.

Tutte queste sono ottime opzioni per assicurarti di essere il più sicuro possibile a casa tua.

Estintore | prezzi ed offerte attuali

Questi prodotti, sono venduti in una grande varietà di fasce di prezzo. Il totale dei tuoi costi, dipende da alcuni fattori.

Dimensioni

La dimensione del contenitore gioca un ruolo chiave nel costo totale dell’articolo. Per l’uso domestico, ne troverai quattro. Le taglie più grandi costano di più perché contengono più materiale.

  • 6 kg: aspettati di pagare da 35 € a 90 € per questo grande contenitore portatile.
  • 2 kg: un contenitore di questa dimensione in genere costa tra 24 € e 79 €.
  • 1 kg: per un piccolo contenitore da 1 kg, puoi pagare tra 14 € e 50 €.
  • Portatile: un piccolo estintore super portatile può costare tra 13 € e 55 €.

Tipi e materiali

Uno in grado di estingure gli incendi di più classi può costare un po di più di uno in classe singola. Tuttavia, il tipo di materiale all’interno del contenitore gioca il ruolo più importante nella determinazione del costo.

Fortunatamente, la maggior parte degli estintori portatili destinati agli utenti domestici includono un materiale chimico secco. Questa è un’opzione versatile, poiché è spesso classificata per le classi A, B e C. Inoltre, questo costa meno di altri materiali. Quindi, non è necessario pagare molti soldi in più, per uno decente ad uso generale.

Regole da seguire

Tieni presente che se ne stai acquistando uno per uso domestico, sei libero di scegliere qualsiasi modello. Ma se desideri un’unità da utilizzare in un luogo in cui ci sarà il pubblico, come un’azienda o una chiesa, devi seguire quanto disposto dalle leggi nazionali a riguardo. Se non sei sicuro, controlla con i Vigili del Fuoco o con le aziende preposte che li rivendono, per capire quali regole devi seguire prima di acquistare un’unità.

Lo sapevi che: non riporre il tuo estintore portatile in un luogo difficile da raggiungere. Questo deve essere facilmente accessibile e riposto vicino a un’uscita.

Estintori | suggerimenti e consigli per un utilizzo migliore

  • Tieni presente che la ricarica, può costare tra 10 € e 35 €. Questo è il costo di manutenzione principale per questi dispositivi.
  • Utilizzane uno portatile solo su un piccolo fuoco. Per incendi più grandi, inutile rischiare le vita anzi, esci dall’area e chiama i soccorsi (112 numero unico).
  • Il consiglio è quello di ispezionarlo ogni anno, alla ricerca di crepe o corrosione e perdite varie. Ciò è molto importante per un dispositivo che può rimanere inattivo per diversi anni.
  • Impara come deve essere mantenuto il tuo articolo leggendo le istruzioni che il produttore avrà messo sull’etichetta o su un manuale allegato. Una corretta manutenzione garantisce che l’unità funzioni quando ne hai bisogno.
migliore estintore quale scegliere

Lo sapevi che: se desideri un estintore che duri più a lungo possibile, opta per uno con più metallo che plastica nelle parti più usurabili come il collo ed il manico.

Estintori | domande frequenti FAQ

D. Perché gli estintori funzionano solo contro determinati tipi di incendi?

R. I materiali all’interno del contenitore determinano il tipo di incendio che puoi estinguere. L’acqua non è efficace contro un incendio di materiali oleosi, per esempio, in quanto, anziché spegnerli li diffonderà su una superficie più ampia. I produttori, generalmente, includono un solo tipo di materiale estinguente in ogni bomboletta.

D. Quale capacità dell’estintore devo selezionare?

R. È intelligente sceglierne uno più grande per un’area in cui un incendio potrebbe non essere notato immediatamente. Ad esempio, un incendio in un garage o in una dependance, potrebbe richiedere un contenitore più grande, per estinguere il fuoco che si sta alimentando da alcuni minuti. Uno di medie dimensioni sarà migliore da utilizzare in una cucina o in una lavanderia. Uno piccolo, sarebbe probabilmente sufficiente in un veicolo, perché quasi sicuramente, noterai immediatamente questo incendio.

D. Per quanto tempo devo usare l’estintore prima di sfuggire all’incendio?

R. Uno portatile funziona velocemente. È progettato per estinguere il fuoco in fretta. In questo modo, se non funziona, avrai il tempo di scappare. Un grande contenitore può avere materiale sufficiente per consentire da 15 a 25 secondi di spegnimento. Un piccolo contenitore può funzionare per 8-12 secondi. Se non riesci a spegnere l’incendio in quel lasso di tempo, mettiti o mettetevi al sicuro e chiama i Vigili del Fuoco.

D. Che tipo di estintore tenere in casa?

R. All’interno della tua abitazione dovresti tenerne uno che possa spegnere incendi di classe A+B+C. Uno a schiuma o chimica (reazione base -acido) o meccanica (dove l’anidride carbonica espelle il liquido) è sicuramente la cosa migliore.

D. Che scadenza ha un estintore?

R. I tempi di scadenza di un articolo come questo sono: 36 mesi per quelli a polvere, 48 mesi per i modelli ad acqua o a schiuma, 60 mesi per i CO2 e 72 mesi per gli estintori ad idrocarburi alogenati.

D. Che polvere c’è negli estintori?

R. All’interno di questi prodotti per spegnere gli incendi, troviamo un estinguente che, generalmente, è una polvere chimica, che potrebbe essere: Bivalente, con bicarbonato di potassio o di sodio, per classi di incendio B e C; Trivalente, con solfato di ammonio e fosfato monoammonico, per classi di fuoco A, B e C.

D. Come si legge l’etichetta di un estintore?

R. Per rispondere a questa domanda, penso sia più utile mettere un’immagine che mille parole:

Come si legge l'etichetta di un estintore

D. Cosa significa la sigla 34a 233bc su un estintore?

R. Sulla sua etichetta potresti trovare queste diciture: 34 A 233 BC: il 34 è una catasta di legna formata da 34 file di traversini di 5 cm x 5 cm. 233 sono i litri di liquido infiammabile che l’estintore spegne, mescolati ad acqua (1/3 acqua).

D. Dove si posizionano gli estintori?

R. Gli articoli in esame, devono essere installati a parete, a un’altezza di 1,10 – 1,50 m da terra; essere posizionati lungo le vie di uscita e in prossimità delle uscite; essere collocati in punti visibili e facilmente accessibili; essere segnalati tramite apposita segnaletica. Semplice no?

D. Quale estintore per quadri elettrici?

R. Se devi proteggere un quadro elettrico, il giusto articolo da prendere in considerazione è uno a anidride carbonica. Infatti questo è utilizzato allo spegnimento di fuochi di classe B e C. Questo è quello che la normativa di prevenzione incendi prescrive.

D. Quando si usa l’estintore a schiuma?

R. I modelli a schiuma vengono impiegati per lo spegnimento dei fuochi di classe A e B, spegnimento che avviene per soffocamento, dovuto all’effetto filmante (uno strato di schiuma-film che si espande sul fuoco).

D. Quando si usa l’estintore a co2?

R. È adatto per spegnimento di fuochi di classe B e C; essendo un gas inerte e dielettrico (di natura isolante), la normativa di prevenzione incendi ne prescrive l’installazione in prossimità dei quadri elettrici.

D. Quando usare estintore a polvere?

R. Quelli a polvere sono i dispositivi antincendio più duttili, poiché possono essere utilizzati per lo spegnimento di quasi tutti i tipi di incendio. Sono particolarmente adatti a domare fuochi scaturiti da materiali solidi, liquidi, gassosi e da metalli ed apparecchi elettrici.

D. Quale estintore scegliere per casa?

R. La scelta di questo prodotto varia in base al posto dove potrebbe scoppiare un incendio. Utilizzare uno a schiuma va fatto in determinate situazioni diverse da quelle che potrebbe necessitare uno a polvere o a CO2 e così via. In linea di massima ecco i migliori e più acquistati da tenere in casa:

Estintore | conclusioni …

Quello che dovresti aver capito, dopo tutte queste informazioni, è che dovresti tenere almeno un estintore a casa, sempre a portata di mano. Non succederà mai, ma se succede, devi avere la possibilità di prenderlo nel modo più veloce possibile per fermare il propagarsi delle fiamme in casa. Esistono moltissimi possibili inneschi nelle nostre abitazioni, che non ti rendi conto. Impianti elettrici vecchi e mal funzionanti, stufe a gas o elettriche che possono mandare in corto circuito e provocare seri danni a tutti noi.

Premesso che dovresti far controllare il tuo impianto della luce ogni tanto, non sono qui per dirti cosa devi fare, per quello ci sono persone qualificate che, se interpellate, sanno darti le giuste risposte. Ma quello che mi preme suggerirti è il fatto di spingerti ad adottare uno di questi articoli per proteggere te, la tua famiglia e tutta la tua abitazione. Detto questo, concludo invitandoti a condividere quanto letto in questa recensione, con tutti i tuoi amici ed amiche o followers social. Dai anche a loro la seria possibilità di prendere il giusto prodotto. Inoltre, se vuoi aggiungere un tuo commento, puoi farlo nel modulo qui sotto. Ti aspetto. 🙂

#AnteprimaProdottoVotoPrezzo
1 Smartwares Estintore a Polvere, Tipo ABC, 2 kg Smartwares Estintore a Polvere, Tipo ABC, 2 kg Nessuna recensione 32,34 EUR