Miglior Hard Disk ssd interno: cambia marcia nel tuo pc

Non hai ancora un Hard Disk ssd interno nel tuo pc? Allora spiegami come fai a scaricare, archiviare e condividere le migliaia di foto e video nel tuo device? Scopri come e dove trovare i migliori hard disk ssd interni del 2021 con questa guida passo passo.

Classifica miglior Hard Disk ssd interno secondo le recensioni clienti.

Hai ancora un disco rigido dell’anteguerra sul tuo desktop o laptop? È tempo che ti unisca alla generazione flash. Ecco tutto ciò che devi sapere prima di acquistare il giusto disco a stato solido interno. Inoltre hai tutte le nostre migliori scelte su unità M.2 e 2,5 pollici.

Come scegliere l’hard disk ssd interno giusto?

Le unità a stato solido (SSD) hanno fatto molta strada negli ultimi anni. Molta strada in termini di velocità e capacità e molto più in basso nel prezzo.

La tecnologia che in precedenza era riservata ai clienti aziendali e all’élite delle prestazioni del PC ora è disponibile per tutti. Con desktop e laptop tradizionali ora dotati di un hard disk SSD interno, anziché di dischi rigidi come scelte di archiviazione principali. E l’aggiunta di un SSD interno a un PC più vecchio come nuova unità di avvio rimane un aggiornamento eccezionale ed economico. Se stai ancora facendo affidamento su i vecchi hard disk, qui troverai uno dei modi più semplici per un aumento di velocità istantaneo ed inimmaginabile.

Detto questo, mentre quasi tutti gli SSD sono molto più veloci di qualsiasi disco rigido, non tutti gli SSD sono creati uguali. Le interfacce SSD si sono evolute notevolmente negli ultimi tempi e gli stessi SSD stanno assumendo forme e tecnologie di base diverse.

Questa guida ti aiuterà a scegliere tra le diverse terminologie confuse associate agli SSD, oltre a imparare ciò che devi sapere quando si tratta di prezzi. Ma anche in velocità, durata, durata della garanzia e altro.

Stai aggiornando il tuo computer portatile o desktop con un hard disk SSD interno?

Innanzitutto, un pò di chiarezza sulla differenza tra hard disk SSD interno ed SSd esterni. La maggior parte di ciò che devi sapere è ovvio dal nome. “Interno” significa che l’unità va all’interno di un PC desktop o laptop, mentre “esterna” significa che si collega a un computer tramite un cavo. Ma è bene conoscere alcune sfumature riguardanti la velocità con cui ogni tipo può essere.

Gli SSD esterni sono unità con i propri contenitori autonomi, che si collegano al laptop o al desktop tramite un cavo USB o (meno comunemente) un cavo Thunderbolt 3. La maggior parte sono costruiti per la portabilità, con alcuni abbastanza piccoli da adattarsi a un portachiavi. In media (a causa dei limiti della tecnologia bus corrente), l’estremità superiore dello spettro di velocità sequenziale che dovresti aspettarti di vedere su Thunderbolt 3.0 è nell’intervallo di 2.500 megabyte al secondo (MBps) per le letture e 2.000 Mbps per le scritture. Per l’USB, la larghezza di banda del mondo reale supererà di circa 1.000 Mbps anche con USB 3.1 Gen 2.

Hard disk SSD interno: Lo trovi in tre unità fisiche principali:

  • Unità da 2,5 pollici, che utilizzano quasi esclusivamente l’interfaccia Serial ATA per connettersi al sistema.
  • Unità M.2, sono piccoli stick di memoria a stato solido ed elettronica del controller che si inseriscono in piccoli slot in una scheda madre.
  • SSD add-in-board (AIB), che si collegano a uno slot PCI Express in una scheda madre desktop. (Alcuni SSD AIB sono semplicemente unità M.2 su una “scheda operatore”).
LEGGI ANCHE
Tastiere Gaming da gioco come segliere le migliori

All’interno di queste tre unità ci sono tuttavia alcune variazioni cruciali. Le unità M.2 e gli SSD AIB trasferiscono i dati tra l’unità e il computer tramite uno dei due tipi di bus. Lo stesso bus Serial ATA utilizzato da unità da 2,5 pollici o il bus PCI Express. Le cui corsie e percorsi possono essere utilizzati anche da altro hardware, come schede grafiche.

Quando acquisti un hard disk SSD interno per aggiornare o potenziare un sistema che possiedi, inizia a capire cosa può effettivamente accettare il tuo sistema. Solo un’unità SATA da 2,5 pollici? Ha uno slot M.2? Che lunghezza può impiegare l’unità M.2 e quale tipo di bus? Se stai aggiornando un laptop, nella maggior parte dei casi avrai solo la possibilità di sostituire l’unità interna, non di aggiungerne un’altra. Se non riesci a ottenere le informazioni dal Web in anticipo o dal produttore, dovrai aprire il tuo laptop per vedere se hai spazio di archiviazione aggiornabile in primo luogo.

Con gli aggiornamenti del laptop

In genere hai molta meno flessibilità rispetto all’aggiornamento di un desktop; l’unica opzione potrebbe essere l’acquisto di un’unità con una capacità superiore a quella esistente. Questo poiché probabilmente avrai solo uno slot M.2 o un alloggiamento da 2,5 pollici con cui lavorare. (Vedi i nostri SSD preferiti per gli aggiornamenti dei laptop.)

Per un desktop, l’hard disk SSD interno giusto da acquistare dipende molto di più da ciò che stai facendo e dal tuo obiettivo. Se stai costruendo un nuovo PC da zero, sicuramente vuoi un SSD SATA M.2 o 2,5 pollici interno come unità di avvio al giorno d’oggi. Un’unità SATA da 2,5 pollici potrebbe avere senso solo se si aggiorna o si costruisce da hardware precedente; quasi tutte le nuove schede madri ora hanno almeno uno slot M.2 di qualche tipo e queste unità risparmiano molto spazio in build PC compatte. Se stai installando un SSD come unità secondaria, probabilmente puoi scegliere tra 2,5 pollici o M.2. E se stai semplicemente sostituendo un disco rigido come unità di avvio, adorerai l’aumento di velocità. Te lo garantisco!

Quale rack o unità di SSD ti serve?

Ti abbiamo presentato le unità M.2 e le unità da 2,5 pollici sopra, ma entriamo in esse un po ‘più in dettaglio.

SSD da 2,5 pollici: l’unità di base

L’SSD Serial ATA da 2,5 pollici è il tipo più comune di unità a stato solido interno che incontrerai. È stata una delle prime implementazioni rivolte ai consumatori della tecnologia SSD e rimane molto popolare, soprattutto per l’aggiornamento di PC più vecchi. Mentre l’elettronica dell’unità è molto più piccola di 2,5 pollici, la sua custodia ha una misura un po ‘più ampia (in realtà 2,75 pollici di larghezza, nonostante il nome). Quindi si adatta alle stesse staffe di montaggio sul desktop o sul laptop utilizzate dai dischi rigidi da 2,5 pollici .

Prodotto Consigliato:
Kingston A400 SSD SA400S37/240G Unità a Stato Solido Interne 2.5" SATA, 240 GB
  • Capacità SSD: 240 GB
  • Velocità di lettura: 500 MB/s
  • Velocità di scrittura: 350 MB/s
  • Velocità di trasferimento dati: 6 Gbit/s

Ciò li rende la scelta più probabile per l’aggiornamento di un’unità di avvio basata su piatto in un laptop più vecchio. E quasi tutti i PC desktop al giorno d’oggi avranno alloggiamenti da 2,5 pollici. Ti permetteranno di avviare un’unità da 2,5 pollici in un alloggiamento per disco rigido da 3,5 pollici.

LEGGI ANCHE
Miglior Scheda Video gaming 4k: esperienza di gioco ultraterrena

Se stai aggiornando un laptop più vecchio, ti consigliamo anche di tenere conto dello spessore di un SSD da 2,5 pollici. Al giorno d’oggi quasi tutti gli SSD sono conformi a uno spessore di 7 mm. I laptop più vecchi con dischi rigidi SATA possono avere alloggiamenti per unità con spazio fino a 9,5 mm. Alcuni produttori di SSD raggruppano un telaio che riempie lo spazio con le loro unità. Questo per evitare che un’unità più sottile da 7 mm si muova in un vano più spazioso. Questo è meno comune oggi che negli anni passati, però.

M.2 Drives: Speed-stick-of-gum

Gli slot M.2 sono sempre più comuni nelle nuove schede madri desktop e praticamente universali nei laptop di modello recente. Le unità a stato solido M.2 sono le unità da 2,5 pollici distillate alla sua essenza, estremamente minimali nella loro progettazione e implementazione. Sono anche i più complicati da capire prima di acquistare.

Innanzitutto, considera il tipo di bus. Le unità M.2 sono disponibili in bus SATA e bus PCI Express e l’unità richiede uno slot compatibile per funzionare. Alcuni slot M.2 supportano entrambi i bus su un singolo slot, ma nessuna unità può supportarne più di uno, quindi assicurati che l’SSD acquistato corrisponda al tipo di bus disponibile nello slot in questione.

Anche le unità M.2 sono disponibili in diverse lunghezze. Fisicamente, la più comune delle cinque dimensioni SSD M.2 è quella che è conosciuta come Type-2280, stenografia per 22 millimetri di larghezza e 80mm di lunghezza. (Tutti gli SSD che vedrai per gli aggiornamenti dei PC consumer sono larghi 22 mm; le lunghezze vanno da 30 mm a 110 mm.) La maggior parte sono semplicemente circuiti stampati con memoria flash e chip controller su di essi. Ma alcune unità M.2 (in particolare quelle del PCI Express 4.0) ora vengono forniti con dissipatori relativamente grandi montati in cima per mantenerli freschi.

Se un’unità M.2 che stai guardando ha uno di questi speciali grandi dissipatori di calore su di esso, assicurati che la scheda madre del desktop abbia lo spazio sopra e attorno per adattarsi alla sua mole. Alcune schede madri desktop dispongono di uno slot M.2 accanto allo slot di espansione ideale che useresti per la tua scheda grafica, ad esempio. I design dei laptop in genere non possono sopportare un dissipatore di calore speciale e alto.

Che tipo di bus di SSD dovresti comprare?

Entriamo nel problema del tipo di bus in modo un po ‘più approfondito. Spesso non avrai la scelta della varietà di bus di cui hai bisogno. Ma devi conoscere alcuni retroscena per capire cosa hai e cosa dovresti comprare.

SATA: il vecchio standard

Serial ATA è sia un tipo di bus che un’interfaccia fisica. SATA è stata la prima interfaccia utilizzata dagli SSD consumer per connettersi alle schede madri, come i dischi rigidi che li hanno preceduti. È ancora l’interfaccia principale basata su cavo che vedrai per le unità a stato solido da 2,5 pollici.

LEGGI ANCHE
Migliori Wifi Extender Esterni - recensione ripetitori per aplificare il segnale wifi

L’interfaccia SATA è in grado di leggere e scrivere in sequenza un massimo teorico di 600 Mbps in uno scenario ideale, meno un po ‘per i processi generali. La maggior parte dei nostri test ha dimostrato che l’azionamento medio supera da 500 MB a 550 MB; la differenza nel mondo reale tra il miglior disco SATA e uno semplicemente medio è piuttosto piccola.

PCI Express: dove sta andando la velocità

L’implementazione originale dell’interfaccia PCI Express per SSD ha assunto la forma di schede che occupavano uno degli slot PCIe su una scheda madre desktop. Puoi ancora trovare schede carrier che ti consentano di collegare unità M.2 a uno slot PCIe standard. Al giorno d’oggi, tuttavia, gli SSD PCI Express più popolari si montano in uno slot M.2, anche se come abbiamo detto sopra. Dovresti assicurarti che lo slot M.2 (supponendo che tu ne abbia uno in primo luogo) supporti le unità PCIe prima di creare il tuo acquisto. Alcuni supportano solo il bus SATA; alcuni supportano solo PCIe; e alcuni supportano entrambi.

Un’ulteriore grinza attorno al bus PCIe: alcune unità e alcuni slot supportano un protocollo di trasferimento più recente noto come NVMe (per Non-Volatile Memory Express). NVMe è uno standard progettato pensando all’archiviazione flash (al contrario del vecchio AHCI, creato per dischi rigidi basati su piatti). In breve, se si desidera l’SSD più veloce per il consumatore, procurarsene uno con NVMe nel nome. Inoltre, dovrai essere sicuro che sia l’unità sia lo slot supportino NVMe. Alcune prime implementazioni PCIe M.2 supportavano PCIe ma non NVMe.

SSD PCIe 3.0 NVMe

Gli SSD PCIe 3.0 NVMe sono stati lo standard per diversi anni, ma ora con il lancio dei processori Ryzen di terza generazione da AMD nel 2019, PCIe 4.0 sta stabilendo nuovi record di velocità massima per l’archiviazione dei consumatori. Sul mercato, al momento troverai tre iterazioni di unità PCI Express in produzione; PCIe 3.0 x2, PCIe 3.0 x4 e PCIe 4.0 x16 (la “x” in ciascuno di questi schemi di denominazione si riferisce a quante corsie sono disponibili sull’unità per trasferire dati). Una scelta tradizionale è un’unità PCIe 3.0 x4; ti consigliamo di prendere in considerazione un modello 4.0 solo se disponi di un nuovissimo desktop basato su AMD Ryzen basato sul chipset X570 o TRX40.

Anche PCIe 3.0 è significativamente più veloce di SATA, e l’interfaccia è destinata a diventare ancora più veloce nei prossimi anni, poiché PCIe 4.0 si fa strada nel mainstream.

Di quale capacità SSD hai bisogno e qual è il costo per Gigabyte?

Bene, hai capito il tipo di bus, l’interfaccia e il fattore di forma dell’unità di cui hai bisogno. Il prossimo fattore da considerare per determinare il tuo prossimo acquisto di hard disk SSD interno è la capacità dell’unità. Una macchina Windows o macOS poco usata non dovrebbe aver bisogno di un’unità di dimensioni superiori a 250 GB o 500 GB come unità di avvio principale. I gamers e i creatori di contenuti dovranno ottenere almeno 1 TB per archiviare comodamente giochi e video 4K sulle loro unità. Su un desktop, potrebbero anche prendere in considerazione l’idea di scaricare la propria libreria di giochi o i dischi di memoria video su dischi rigidi più economici e spaziosi.

LEGGI ANCHE
Miglior PC Gaming Fisso: i toppissimi 10 super veloci

Detto questo, con giochi come Call of Duty, Modern Warfare che richiedono oltre 100 GB di spazio per un solo titolo. L’unità potrebbe finire di nuovo piena più velocemente di quanto si possa allineare un tiro da cecchino. Al giorno d’oggi, se stai cercando di ottenere solo un’unità (o forse devi farlo, come in un laptop), 2 TB è la dimensione consigliata per i giocatori. Mentre i creatori di contenuti hardcore che hanno a che fare con filmati RAW 8K avranno bisogno di molto, più lontano. (Un file RAW 8K di un’ora occuperà 7,92 terabyte di spazio.)

Ma i grandi dischi non costano poco (soprattutto quando si parla di hard disk SSD interno piuttosto che di dischi rigidi). Quindi conoscere il valore di un SSD e quanto costa per gigabyte è un altro fattore importante da pesare nel prossimo aggiornamento. Che si tratti di 128 GB o 4 TB (o di qualsiasi capacità, in realtà), il costo per gigabyte ti fornirà una base per confrontare un’unità con un’altra e se sembrerà o meno un buon valore in base alle sue caratteristiche e al grado di durabilità.

Vediamo i costi degli hard disk SSD interni nel dettaglio

In media, un SSD interno può costare da 9 a 10 centesimi per gigabyte (esempio: il Mushkin Source da 2,5 pollici basato su SATA, con 1 TB per poco più di € 90) a 62 centesimi per gigabyte per il costoso, in particolare- per i cineasti Sony SV-GS48. Una regola generale è che unità più piccole (qualsiasi cosa inferiore a 240 GB) costeranno di più per gigabyte, diventando più economiche man mano che salirai ai livelli di capacità di 500 GB, 1 TB e 2 TB. A volte, tuttavia, un’unità da 2 TB o 4 TB richiederà un prezzo premium per gigabyte rispetto ai modelli di capacità inferiore in una linea.

Il numero di “strati” in un SSD è stato una forza trainante nel ridurre i costi negli ultimi anni. Gli SSD (e i moduli di memoria flash NAND di cui sono fatti) hanno visto molta innovazione nell’ultimo mezzo decennio e una di queste tecnologie è nota come 3D NAND. Il termine si riferisce a un processo di fabbricazione in cui le celle di stoccaggio, anziché essere disposte esclusivamente su un piano orizzontale, possono essere impilate l’una sull’altra in strati. Maggiore è il numero di strati, maggiore è la capacità di archiviazione in uno spazio ridotto e quindi minore è il costo del materiale.

Quali sono i processi principali della NAND 3D?

Al momento, i tre processi principali nella NAND 3D sono a 32, 64 e 96 strati, con l’ultimo che ha colpito il mainstream solo nell’ultimo anno. Più livelli non comportano necessariamente un bonus in termini di prestazioni, ma generalmente comportano un prezzo inferiore per unità con la stessa capacità.

Infine, il prezzo di un hard disk SSD interno può anche essere influenzato dall’elemento di memoria “metodo” utilizzato per archiviare i dati. I quattro diversi tipi sono cella a livello singolo (SLC), cella a più livelli (MLC), cella a tre livelli (TLC) e cella a quattro livelli (QLC), che memorizzano rispettivamente da uno a quattro bit per cella. SLC è sia il più veloce che il più duraturo dei quattro tipi, ma è anche il più costoso e raramente visto all’esterno ambienti aziendali. MLC è meno durevole e un po ‘più lento, ma a prezzi più ragionevoli, mentre TLC e QLC hanno praticamente preso il sopravvento sul mainstream; sono i meno “durevoli” ma anche i più economici. (Ulteriori informazioni sulla resistenza dell’unità in un momento.)

LEGGI ANCHE
Back to school: Ecco i migliori notebook per studenti con lo sconto!

Quanto è veloce l’SSD che sto cercando?

Quando un produttore di SSD pubblicizza la velocità di un determinato disco, questo viene solitamente mostrato in due modi; la massima velocità teorica sequenziale di lettura / scrittura (espressa in megabyte al secondo) o la massima teorica casuale – o “4K”, come nei blocchi da quattro kilobyte: velocità di lettura / scrittura (espressa in IOPS o operazioni di input / output al secondo). In termini pratici, tuttavia, i risultati di lettura / scrittura 4K possono essere espressi altrettanto facilmente in MBps.

Le velocità di scrittura sequenziale sono generalmente (anche se non sempre) legate ai risultati che ci si può aspettare durante il trasferimento di file singolari di grandi dimensioni. Mentre i risultati di lettura / scrittura 4K riflettono maggiormente cose come il gioco i tempi di caricamento o la velocità con cui il tuo sistema operativo può recuperare i file.

Velocità di lettura sequenziale

La massima velocità di lettura sequenziale teoricamente possibile per un’unità SATA è di 600 Mbps, sebbene, come abbiamo detto sopra, non abbiamo visto alcun drive raggiungere quel limite anche in condizioni ideali di test. La velocità di lettura sequenziale massima teorica per le unità PCIe 3.0 x4 è molto più veloce: 3.940 Mbps, sebbene la più veloce che abbiamo testato internamente in questa stesura sia Samsung SSD 970 EVO, che ha superato i 3.372 Mbps in Crystal DiskMark 6 prova delle prestazioni.

Infine, come accennato in precedenza, c’è PCIe 4.0, che attualmente esiste solo in una manciata di unità e richiede (al momento) una scheda madre desktop AMD Ryzen con chipset X570. Le unità a stato solido PCIe 4.0 x16 hanno una velocità di lettura sequenziale massima teorica di 31.500 Mbps. Anche se le uniche persone che potrebbero effettivamente notare (o persino essere in grado di colpire) quel tipo di throughput altissimo su una base sostenuta sono quelle che trasferiscono file enormi tra due unità PCIe 4.0 M.2 installate sulla stessa scheda madre. (In caso contrario, l’unità di origine o di destinazione sarà un collo di bottiglia.)

Qual è il livello di garanzia e resistenza dell’SSD?

Una metrica SSD chiamata terabyte scritti (TBW) si riferisce al punto in cui, dopo che una certa quantità di dati è stata scritta sull’unità, le sue celle inizieranno a fallire, il che significa che lo spazio disponibile sull’unità si ridurrà mentre l’elettronica dell’unità compensa. La valutazione TBW di un’unità è in genere compresa tra 100 TB e 3.500 TB, a seconda del produttore, della capacità e del caso d’uso, ma per la maggior parte questo non è un dato che influenzerà gli utenti quotidiani.

Detto questo, coloro che acquistano un hard disk SSD interno per applicazioni professionali come film, hosting di server o qualsiasi altra cosa che implichi trasferimenti di file di grandi dimensioni della grandezza di centinaia di gigabyte al giorno vorranno scegliere un’unità che può sopportare quel tipo di punizione per mesi, anche anni e anni.

LEGGI ANCHE
Le Migliori Tastiere Wireless: recensioni modelli Bluetooth e USB

Questa cifra si ripiega anche nel periodo di garanzia per un’unità, che (a parte alcuni casi di frangia) sarà quasi sempre per 3-5 anni o fino a quando non raggiungerai le specifiche TBW. I produttori hanno modi di leggere un’unità per determinare quanti terabyte sono stati scritti su di essa nel corso della sua vita. Quindi assicurati prima di inviare eventuali richieste di garanzia che non hai già superato il tuo TBW prima che il periodo di garanzia sia scaduto.

Il software e il tipo di controller sono importanti?

I controller sono un fattore di acquisto di un hard disk SSD interno che interesserà solo agli ultra-geek, ma sono comunque importanti. Il controller è un modulo sull’SSD che funge essenzialmente da processore e Traffic Cop per l’unità. Questo traduce le istruzioni del firmware in funzionalità come la correzione del codice di errore (ECC) e gli strumenti diagnostici SMART, nonché modulando le prestazioni dell’SSD in generale .

È possibile rilevare alcuni elementi comuni tra le unità che utilizzano controller simili (come i controller Phison utilizzati da molti OEM di unità). Alcuni produttori di SSD utilizzano controller di terze parti, mentre altri ne producono i propri. Puoi vedere il modello di controller menzionato nelle schede tecniche dell’unità o nelle recensioni, ma sai che per gli acquirenti occasionali, è totalmente all’interno del baseball.

Il software è un’altra considerazione nei fattori di acquisto in cui dovresti investire del tempo. Indipendentemente dalla compagnia con cui vai, qualsiasi dashboard di gestione del software SSD dovrebbe avere almeno un’opzione di cancellazione sicura. Un modulo di aggiornamento del firmware e un qualche tipo di strumento di migrazione che ti consentirà di spostare i dati in modo sicuro da un’unità a un’altra. La maggior parte delle unità mainstream ti coprirà lì.

Conclusioni ed alcuni consigli

Le unità a stato solido o hard disk SSD interni sono disponibili in tutte le forme e dimensioni. Inoltre sono costruite per quasi tutti gli scopi. Sia che tu abbia bisogno di un’unità in grado di sopravvivere a un trekking nel deserto o di quella che caricherà un film in 4K in meno di mezzo secondo, c’è un SSD creato per questo lavoro.

Prima di passare all’elenco dei migliori drive che abbiamo testato di recente, dovremmo menzionare che sebbene si tratti di una carrellata dei migliori hard disk SSD interni. Oggigiorno quasi tutti questi drive possono essere trasformati in un’unità USB esterna con l’aiuto di un contenitore SSD. Questi sono spesso poco più di custodie durevoli di plastica o metallo e puoi acquistare custodie per qualsiasi tipo di SSD: SATA da 2,5 pollici, SATA M.2 o PCIe M.2. Basta assicurarsi che il contenitore supporti il fattore di forma e il tipo di bus dell’unità che desideri. Di seguito hai una lista dei 10 migliori hard disk SSD interni oggi disponibili online.

I prezzi e la disponibilità dei prodotti sono accurati alla data/ora indicata sotto e sono soggetti a modifica. Ultimo aggiornamento 2021-04-02