Miglior dispositivo NAS (Network Attached Storage)

(Ultimo aggiornamento il: 8 Aprile 2020)

Un dispositivo NAS ti permette di condividere tutte le tue risorse in tempo reale con chi vuoi. La particolare funzione del NAS è utilissima in quanto puoi accedervi da remoto da qualsiasi posto. Vediamo caratteristiche e prezzi del 2021.

Classifica miglior dispositivo NAS secondo le recensioni clienti.

Come scegliere il giusto dispositivo NAS (Network Attached Storage) per le tue esigenze?

In questa era di foto ad alta risoluzione e acquisizione video quasi costante, lo spazio di archiviazione nei tuoi PC e dispositivi mobili si riempie velocemente. Puoi certamente usare un disco rigido esterno per scaricare e eseguire il backup dei file dal tuo PC (e per estensione, dal tuo telefono). Se scolleghi il disco rigido e lo lasci nel tuo ufficio, non sarai in grado di accedervi. Esistono modi per consentire ad altri utenti di condividere e accedere ai file sul disco rigido. Ma possono essere difficili da implementare o comportare rischi per la sicurezza.

Invece, considera un buon dispositivo di archiviazione (NAS) collegato in rete. Come suggerisce il nome, un dispositivo NAS è un archivio ad alta capacità. Si collega alla rete domestica o dell’ufficio in modo che tu e altri utenti designati sia possibile accedere ai file da dispositivi mobili e PC. Ecco cosa devi sapere per scegliere il NAS giusto.

Cosa puoi fare con il tuo dispositivo NAS?

Una volta deciso che è necessario archiviare i file su un’unità di rete, è necessario capire cosa si intende fare con questi. Questo per determinare quale tipo di NAS è necessario.

Ad esempio, condividere l’accesso ai file di Office come fogli di calcolo e documenti Word con i colleghi è un lavoro semplice per un NAS. Se si utilizza il NAS per eseguire il backup dei laptop durante la notte, questa operazione risulta facile ed estremamente utile. Se stai distribuendo video HD sulla tua rete di casa a tablet, un laptop e la tua smart TV, contemporaneamente, avrai bisogno di un NAS. Questo deve essere con specifiche più elevate per capacità di memoria, processore e rete. Avrai anche bisogno di un NAS più potente se vuoi archiviare librerie di grandi media. Come una raccolta di 100.000 foto di stock, per il tuo studio di arti grafiche.

Come qualsiasi periferica di computer, le funzionalità offerte dalle varie unità NAS variano notevolmente per soddisfare queste diverse esigenze. Quindi dovrai capire i termini e le caratteristiche prima di effettuare l’acquisto.

Unità NAS: nozioni di base sull’acquisto

Poiché un dispositivo NAS è, al livello più semplice, solo un contenitore per un disco rigido o unità (con un po ‘di intelligenza aggiunta), la specifica numero uno per qualsiasi unità NAS è la sua potenziale capacità di archiviazione, determinata dal numero di alloggiamenti di unità che include . La maggior parte delle unità NAS per uso domestico e home-office hanno una o due alloggiamenti. Mentre i modelli progettati per l’ufficio ne hanno quattro o più. Ma questa non è una linea guida assoluta.

In genere non consigliamo le unità NAS con un solo alloggiamento. A meno che non vengano utilizzate rigorosamente per il backup dei dati che risiederanno anche sui computer della rete. Ciò è dovuto alla mancanza di ridondanza pronta all’uso. (Alcune unità NAS a singolo alloggiamento ti consentiranno di collegare un secondo dispositivo NAS o un disco rigido esterno, a tal fine.) Non vuoi che l’unica copia dei tuoi dati risieda su una sola unità della rete. Inoltre, le unità in questi dispositivi a singolo alloggiamento tendono a non essere accessibili all’utente, se il NAS viene fornito con un’unità preinstallata.

Per la maggior parte degli utenti domestici che non scaricano centinaia di file video, un NAS a due alloggiamenti dovrebbe essere sufficiente. Questo a condizione che si acquistino unità abbastanza grandi sin dall’inizio se si esegue il mirroring. Err sul lato alto della capacità, però; costerà di più ora, ma non è necessario acquistare nuovamente due dischi rigidi per il NAS per ottenere una capacità di mirroring effettiva più elevata. Ricorda: il mirroring richiede due unità fisiche. Altro sulla ridondanza in un momento.

È meglio acquistare un dispositivo NAS con o senza disco?

Alcune unità NAS sono vendute pre-formattate con dischi, spesso già formattate per l’uso in una particolare configurazione RAID, mentre altre vengono “senza disco”. Ogni fornitore NAS ha le sue tendenze in tal senso. Ma sorpresa, sorpresa: i produttori di dispositivi NAS che sono anche produttori di dischi rigidi (Seagate, Western Digital) preferiscono le unità NAS precompilate per ovvie ragioni. Bloccano la vendita dei propri dischi rigidi quando vendono un NAS. (Non un motivo insidioso, intendiamoci, solo un buon affare). I produttori di NAS che non sono produttori di unità, come Synology e QNAP, hanno maggiori probabilità di vendere i loro dispositivi NAS senza disco. Questo sebbene (o più precisamente, i loro rivenditori) possono anche offrire unità pre-popolate e configurate con unità per la comodità degli acquirenti.

OffertaProdotto Consigliato:
WD My Cloud EX2 Ultra Network Attached Storage, Diskless
  • Processore dual core da 1,3 GHz a prestazioni elevate per uno streaming fluido e senza interruzioni. 1 GB di memoria DDR3 per eseguire il multitasking con facilità.
  • Storage di rete centralizzato e accesso disponibile ovunque. Sincronizzazione automatica dei file su tutti i tuoi computer
  • Condivisione semplificata di file e cartelle. Sincronizzazione automatica dei file su tutti i tuoi computer
  • Backup personalizzato. Protezione dati raddoppiata con RAID 1. Semplicità di installazione e di gestione del sistema. Supporto per app di terze parti.
  • Contenuto della confezione: NAS. Cavo Ethernet. Alimentatore. Guida rapida di installazione.
  • Sistemi operativi Windows 10, Windows 8, Windows 7 o Windows Vista; macOS Mojave, High Sierra, Sierra, El Capitan, Yosemite, Mavericks o Mountain Lion

Se un determinato NAS viene offerto sia in forma precompilata che senza disco, si consiglia di verificare la differenza di costo. E assicurarsi che le unità fornite nel modello popolato funzionino correttamente. Con le unità NAS solo pre-popolate di Seagate e WD, il costo delle unità interne tende a essere più difficile da distinguere dal costo dell’unità NAS.

Quali unità utilizzare all’interno del dispositivo NAS?

I produttori di NAS che vendono unità NAS senza disco raccomandano alcuni modelli o famiglie di unità che sono stati testati per l’uso con le loro unità NAS. Ciò potrebbe coincidere con i dischi rigidi che producono o no. Dai un’occhiata a questi elenchi di compatibilità delle unità prima di acquistare. Se possiedi già un banco di dischi rigidi che intendi installare, ti consigliamo di cercare tale convalida. Se i tuoi non sono nell’elenco, ciò non significa che non funzioneranno, ma se stai acquistando nuove unità, è meglio attenersi ai consigli del produttore del NAS.

Alcune unità di HGST, Seagate, Toshiba e WD sono contrassegnate come appositamente progettate per l’uso su NAS. La maggior parte di questi dischi rigidi “certificati NAS” è testata per funzionare 24/7/365, il che è un po ‘troppo per le normali unità di livello consumer.

Se stai guardando le unità Seagate, le unità di classe NAS sono chiamate linee “IronWolf” e “IronWolf Pro”. Le unità Straight IronWolf sono ciò che cerchi per attrezzare un’unità NAS in una casa; arrivano in capacità da 1 TB a 14 TB, in questo momento. Le unità IronWolf Pro sono classificate per l’assistenza in situazioni aziendali o commerciali. Le unità di HGST sono la linea NAS Deskstar e quelle di Toshiba della serie “N”. Sul lato Western Digital, le unità specifiche del NAS sono “WD Red”, con capacità da 1 TB a 10 TB, con la serie “WD Red Pro” pensata per l’uso aziendale.

Spazio (di archiviazione) sicuro: parliamo di ridondanza

Come accennato in precedenza, le unità NAS che hanno più di un’unità sono costruite per offrire l’opzione di ridondanza, quindi nelle configurazioni a due e quattro unità i dischi extra possono semplicemente “rispecchiare” il contenuto dell’altra unità. Esempio: un’unità a due alloggiamenti con due unità da 4 TB offrirebbe solo 4 TB di memoria utilizzabile se la si lascia in modalità mirror. L’altra unità è in un certo senso invisibile, poiché è utilizzata per creare una seconda copia di tutti i file dall’altra unità in background.

Di solito, l’utente ha la possibilità di riconfigurare le unità per ottenere la capacità della seconda unità, se lo si desidera. Un modo per farlo è tramite lo “striping”, in cui i dati si estenderanno ad entrambe le unità. Strisciare da solo è un caso; in alcune circostanze, migliora la velocità di lettura e scrittura, poiché si accede a due unità contemporaneamente. Ma se uno dei dischi si guasta, è possibile che tutti i tuoi dati vengano persi, quindi non consigliamo questo approccio. In sostanza, raddoppia il rischio di fallimento.

Cosa supportano le unità NAS?

Molte unità NAS supportano anche una modalità JBOD (“Just a Bunch of Disks”), che consente di indirizzare ciascuna unità come una lettera di unità separata e salvare i dati su unità discrete all’interno della scatola NAS. Questo è leggermente più sicuro del semplice striping di base. Tutti i dati salvati su una determinata unità sono ancora vulnerabili al fallimento di quel meccanismo specifico.

È anche possibile combinare striping e mirroring su tre o più unità per una maggiore velocità e sicurezza dei dati. In una tale disposizione, il dispositivo NAS copierebbe i dati attraverso l’array di unità in modo tale che il guasto di una delle unità consentirebbe al NAS di ricostruire l’array (e quindi salvare i dati) se si sostituisce un’unità sostitutiva. Ciò è di particolare interesse per gli utenti aziendali che devono massimizzare la ridondanza e le velocità di trasferimento dei dati.

Streaming multimediale

Se ritieni che un’unità NAS ti consentirà di trasmettere in streaming qualsiasi tipo di supporto che hai su qualsiasi dispositivo o TV. Tieni presente che alcuni dispositivi riprodurranno solo determinati tipi di file e dovrai fare in modo che software e hardware funzionino insieme per creare questo succede.

Ad esempio, che, ahem, dolce rip DVD che hai di Titanic in formato AVI non si aprirà su un iPhone senza qualche vibrazione. (Deve essere in formato MP4 per essere riconosciuto.) Il software può aggirare quel problema. Come l’utilità VLC Media Player sempre utile. E alcune unità NAS funzionano con Chromecast, Apple TV, Roku, telefoni / tablet Android e altri tipi di hardware. È complicato garantire che un determinato file o tipo di file venga riprodotto su un determinato dispositivo. Quindi osserva attentamente le specifiche del NAS per determinarne le capacità.

Uno sviluppo tardivo nei circoli NAS è un tipo speciale di supporto per lo streaming di video 4K e in questi casi il foglio delle specifiche è tuo amico. Alcuni NAS con accelerazione 4K convertiranno questo video ad alta risoluzione al volo in formati più adatti alle velocità in bit dei dispositivi, come gli smartphone, che lo richiedono. Questo è un bisogno esoterico al momento, ma sappi che alcuni produttori di NAS addebiteranno un premio per alcune di queste funzionalità. È anche possibile ottenere una transcodifica al volo per altre risoluzioni minori. È qui che entra in gioco la CPU che alimenta un NAS: un Intel Atom di fascia bassa rispetto a un Core i3 molto più robusto, ad esempio.

Connettori e controlli

La maggior parte delle unità NAS ha una o due porte USB che è possibile utilizzare per collegare una stampante o unità di archiviazione esterne, consentendo di aggiungerle alla rete tramite il dispositivo NAS stesso. Una volta collegati, proprio come qualsiasi altra cosa sul NAS, possono essere condivisi con tutti gli utenti connessi. Un accordo frequente: un’unità NAS avrà una porta USB 2.0 che viene solitamente utilizzata per la condivisione della stampante. E una porta USB 3.0 che può essere utilizzata per l’archiviazione esterna. (USB 2.0 è molto, molto più lento di USB 3.0, ma una stampante non ha bisogno della pipe veloce, quindi una porta USB 2.0 va bene.)

Alcune unità NAS hanno anche un pulsante “copia” sul pannello frontale progettato per rendere la copia dei contenuti di un’unità esterna. Come un’unità flash, sul NAS un affare con un solo pulsante. Basta collegare l’unità e toccare il pulsante e tutto ciò che si trova sull’unità esterna viene copiato in modo sicuro sul NAS in una posizione prestabilita.

Le unità NAS, per definizione, verranno fornite con una porta Ethernet. Possibilmente due per ridondanza o channel bonding (essenzialmente, usando due connessioni Ethernet per migliorare la velocità) con modelli di business di fascia alta. I recenti modelli di fascia alta possono anche offrire l’opzione per Ethernet da 10 gigabit, per urlare le velocità di trasferimento dei dati, anche se il throughput dei dischi rigidi del piatto rende questo moot per la maggior parte dei casi di utilizzo dei consumatori e SOHO. (Detto questo, alcuni modelli sono dotati di uno slot PCI che può consentire l’installazione di una scheda di rete avanzata.)

Alcuni modelli avranno anche una porta HDMI; questo ti permetterebbe di usare il NAS come media server con una connessione diretta alla tua HDTV dotata di HDMI.

OffertaProdotto Consigliato:
Synology NAS DS120J 1-Bay
  • Archiviazione a 1 bay facile da utilizzare in un cloud personale per utenti inesperti dei NAS
  • Throughput sequenziale: oltre 112 MB/s in lettura, 106 MB/s in scrittura
  • Piattaforma per la condivisione di file e la sincronizzazione tra dispositivi
  • Affidabile assistente per il backup di computer Windows/Mac e foto dei dispositivi mobili
  • Accesso mobile gratuito ai file grazie alle applicazioni mobili per iOS e Android
  • Compatibile con 3.5" SATA HDD o HDD 2,5” SATA (con porta disco da 2,5" opzionale)

Accesso remoto: pubblicazione di file da qualsiasi luogo

Oltre alle funzionalità di condivisione di cui sopra, la maggior parte delle unità NAS consente di inviare collegamenti Web alle persone per consentire loro di accedere in remoto a determinati file o cartelle situati sul NAS. Il NAS può quindi funzionare come il proprio Dropbox o Google Drive privato, ma con una capacità di archiviazione molto maggiore e nessuna fattura mensile. Molti produttori di NAS lo sostengono. (Cerca il termine molto personalizzato “personal cloud” attorno a questo tipo di funzionalità.)

Con questa funzionalità, è anche possibile accedere al NAS stesso da qualsiasi connessione Internet, non solo tramite la rete locale. Di conseguenza, è possibile scaricare i file necessari in viaggio o trasmettere in streaming un film o file musicali residenti sul NAS di casa sul proprio laptop in un hotel in tutto il paese o nel mondo, permettendo la larghezza di banda della rete.

Come funziona questa caratteristica?

La maggior parte, ma non tutte, le unità NAS offrono questo tipo di funzionalità, quindi assicurati di fare le tue ricerche prima di premere il grilletto se è un must. (Noi stessi? Non avremmo un NAS senza di esso.)

Di seguito sono riportati i principali dispositivi NAS che abbiamo recentemente testato, che vanno dai semplici modelli orientati all’home agli array a più unità che possono servire dozzine di utenti in un ambiente d’ufficio. Sia che tu voglia pubblicare file multimediali nel resto della casa, conservare i documenti dell’ufficio in un unico repository accessibile o semplicemente eseguire il backup della tua vita digitale da PC, tablet e telefoni cellulari, qui c’è un disco per te.

Per ulteriori opzioni di archiviazione, dai un’occhiata ai nostri elenchi dei migliori dischi rigidi esterni e dei migliori SSD, nonché ai nostri servizi di archiviazione cloud più votati.