mascherina ffp2 di protezione | sai quanto sono efficaci?

da | Ultimo aggiornamento 30-08-2022 | Salute e Igiene

Ma prima… perché dovresti fidarti delle mie recensioni?

Su OpinioniProdotto.it, passo la maggior parte del tempo a ricercare, analizzare e, spesso anche a testare prodotti. Tutto questo per segnalarti le migliori scelte che puoi fare durante i tuoi acquisti. Il mio guadagno? Lo ricevo solo se acquisti un prodotto attraverso i link indicati, ma a te non costa nulla! Quindi perché non seguire i consigli e trovare, in un batter d’occhio il meglio per le tue richieste? Per saperne di più

 

Mascherina ffp2: dai costosi dispositivi di filtrazione ai rivestimenti fatti in casa, le mascherine FFP2, contro il diffondersi del coronavirus, partito dalla Cina, nel 2020, erano diventate quasi onnipresente in tutto il mondo. Gli esperti, ancora oggi, dicono che la sua scelta, potrebbe fare una grande differenza per la sua efficacia. Vediamo cosa ci riserva questo 2022.

Mascherina FFP2, FFP2 2022: guida acquisto migliori oggi in commercio

Dallo scoppio della pandemia di coronavirus, le mascherine sono diventate parte integrante della nostra vita quotidiana. Secondo l’Istituto Robert Koch, la principale modalità di trasmissione del virus, oltre all’infezione da goccioline, è l’infezione tramite aerosol.

Ciò significa che quando si tossisce o si starnutisce, le persone infette espellono nell’ambiente minuscole goccioline contenenti particelle virali. Se queste, viaggiano nell’aria e raggiungono le mucose di altre persone, queste possono venire infettate.

Se una persona infetta da coronavirus indossa una mascherina, questa contiene alcune delle goccioline, che quindi non possono diffondersi così velocemente come senza protezione. Le goccioline più grandi cadono a terra in tempi relativamente brevi e il rischio di infezione diminuisce con l’aumentare della distanza. Pertanto, per evitare l’infezione da goccioline, è necessario mantenere una distanza minima di 1,5 metri.

migliore mascherina ffp2 quale scegliere

Lo sapevi che: l’Organizzazione mondiale della sanità ha avvertito che l’enorme aumento della domanda di mascherina coronavirus per il viso e altri indumenti protettivi potrebbe portare a una carenza per coloro che ne hanno più bisogno. Medici e infermieri che curano i pazienti con coronavirus.

Mascherine ffp2 | misure preventive coronavirus

Delle molte misure preventive che puoi adottare per proteggerti dal coronavirus, indossare una mascherina è una delle più facili ed immediate.

Dall’inizio dell’epidemia di coronavirus a Wuhan, in Cina, il 31 dicembre 2019, tante cose sono cambiate e milioni di persone, con grande nostro dispiacere, sono passate a miglior vita.

Le mascherine ffp2 aiutano a rallentare la diffusione dei virus

Gli aerosol sono minuscole goccioline che vengono espulse nell’ambiente anche quando si sussurra o si parla, ma soprattutto quando si parla ad alta voce, si grida o si canta o meglio si starnuta. Questi, non cadono a terra così rapidamente come le goccioline e, a seconda delle dimensioni, possono rimanere sospesi nell’aria e diffondersi per ore negli ambienti chiusi. Ciò significa che il rischio di infezione non sussiste solo se qualcuno nelle vicinanze tossisce nella vostra direzione o starnutisce. Per questo motivo, è necessario arieggiare regolarmente una stanza.

Mentre all’inizio la maggior parte delle persone indossava maschere di stoffa, oggi quelle che si vedono più comunemente nei negozi, sugli autobus o sui treni o sul posto di lavoro sono maschere mediche (note anche come maschere chirurgiche) e respiratori a facciale filtrante (come le maschere FFP2). Quelle chirurgiche, FFP2, FFP3 e KN95/N95 sono più efficaci in termini di dispositivi di protezione rispetto alle maschere collettive e finora erano riservate al personale medico e infermieristico e ai pazienti a rischio. Se si chiudono ermeticamente sul viso, le maschere FFP2, FFP3 e KN95/N95 non solo proteggono dalle infezioni da goccioline, ma offrono anche un elevato livello di protezione dagli aerosol.

Oggi, tuttavia, queste, sono consigliate anche per l’uso quotidiano e in molti luoghi è obbligatorio indossarle. Soprattutto nelle situazioni in cui è impossibile rispettare sempre le regole di distanza e in cui più persone si riuniscono per un periodo di tempo prolungato, le maschere chirurgiche e le maschere di grado FFP2, FFP3 e KN95/N95 forniscono un maggiore livello di protezione contro le infezioni che le comuni, non possono offrire. Queste, differiscono dalle classiche, per il modo in cui vengono utilizzate e per il loro scopo.

Cosa caratterizza una maschera FFP2 e come si riconosce?

Le maschere FFP2 proteggono principalmente chi le indossa da particelle, goccioline e aerosol. FFP è l’abbreviazione di facciale filtrante. La maschera FFP2, originariamente concepita come maschera di protezione professionale, è nota anche come “maschera antipolvere” nel settore edile. È generalmente bianca, spesso a forma di coppa o pieghevole ed è dotata o meno di una valvola di espirazione. Il fattore principale per cui le maschere FFP si differenziano l’una dall’altra e che influisce sulla loro denominazione è la rispettiva capacità di filtraggio.

Una maschera protegge dagli aerosol?

Tutte le mascherine FFP2 devono essere testate e devono filtrare quantità variabili di aerosol di prova. Le maschere FFP1 devono filtrarne almeno l’80%, le maschere FFP2 almeno il 94% e le maschere FFP3 il 99%. I test sono eseguiti in linea con lo standard europeo EN 149:2001+A1:2009 con aerosol e garantiscono che quelle disponibili sul mercato soddisfino le norme tecniche e abbiano dimostrato di proteggere dagli aerosol. Il marchio CE indica che una maschera FFP è stata sottoposta con successo a una procedura di valutazione della conformità ed è quindi stampato sulla superficie della maschera.
La capacità di filtraggio di una maschera può fornire la migliore protezione solo se la maschera aderisce perfettamente al viso lungo tutti i suoi bordi.

Una maschera ricorda di non toccare il viso

Un’altra possibile via di trasmissione del coronavirus è l’infezione da striscio. Il virus potrebbe, ad esempio, finire sulla maniglia di una porta e da lì diffondersi sulla mano di una persona non ancora infetta. Se poi questa persona si tocca inconsapevolmente la bocca o il naso con la mano, il virus può essere assorbito attraverso le mucose. Anche in questo caso, una maschera può ridurre le probabilità di infezione, semplicemente ricordando a chi la indossa di non toccarsi il viso con la mano.

La valvola di espirazione offre una migliore protezione contro il coronavirus?

A differenza delle mascherine chirurgiche, le maschere FFP2 sono progettate per proteggere non solo gli altri, ma anche se stessi. Tuttavia, quelle con valvola di esalazione forniscono un livello di protezione notevolmente inferiore rispetto a quelle senza valvola di esalazione. Ciò è dovuto al fatto che gli aerosol espirati attraverso la valvola di espirazione non vengono catturati dal materiale filtrante, ma vengono solo in una certa misura rallentati e fatti vorticare dalla valvola. Mentre l’autoprotezione contro l’infezione è così assicurata, le persone intorno a chi indossa una maschera con valvola di espirazione sono comunque esposte ai suoi aerosol e quindi non sono protette.

Gestione corretta di una maschera FFP2

Poiché le mascherine FFP2 erano utilizzate soprattutto in alcune professioni, sia l’agenzia del farmaco che gli altri istituti di controllo, hanno sottolineato che i non addetti ai lavori devono assicurarsi che le maschere siano maneggiate correttamente e che aderiscano bene. Per garantire la piena capacità di filtraggio di una FFP2, è fondamentale che venga indossata correttamente e che formi una tenuta ermetica con il viso. I seguenti suggerimenti vi aiuteranno a garantire un uso corretto delle maschere:

  • La maschera deve coprire la bocca, il naso e le guance. I bordi della maschera devono essere perfettamente aderenti al viso, in modo che l’aria non possa fuoriuscire dai lati. Quando si utilizza una nuova maschera FFP2 per la prima volta, assicurarsi che possa passare una quantità d’aria sufficiente a inibire il meno possibile la normale respirazione.
  • Le persone con la barba devono sapere che questa impedisce alla maschera FFP2 di aderire perfettamente. Pertanto, le persone con la barba beneficiano di un livello inferiore di protezione dagli aerosol.
  • Evitare di toccare la maschera quando la si indossa (questo vale anche per le maschere comunitarie e per altri tipi di maschere).
  • Una maschera deve essere rimossa e cambiata non appena diventa troppo umida durante l’uso. Se si rimuove la maschera, assicurarsi di maneggiarla solo per i lacci.
  • Lavarsi accuratamente le mani dopo averla tolta dalla faccia.
  • Tenere presente le attuali regole di comportamento. La formula DHM+A è ancora valida: Anche quando indossiamo una maschera FFP2 o un’altra maschera medica, dobbiamo continuare a mantenere la distanza da chi ci circonda. Tenetevi sempre ad almeno 1,5 metri di distanza dagli altri ed imparate a seguire le regole di igiene, come tossire o starnutire correttamente (ad esempio in un fazzoletto di carta monouso), lavare accuratamente le mani e aerare regolarmente gli ambienti chiusi.
  • Cambiare regolarmente la maschera FFP2. Una di queste, non dovrebbe essere indossata per un totale di circa otto ore.
  • Le maschere non devono mai essere scambiate tra le persone, ma devono essere indossate sempre dalla stessa persona.

Posso riutilizzare una masch FFP2?

Nel settore professionale della salute e della sicurezza sul lavoro, le maschere FFP sono destinate a un solo utilizzo. Ciò è dovuto al fatto che il personale addestrato (ad esempio nell’assistenza medica o nell’edilizia) è spesso esposto a un maggiore rischio di trasmissione.

Tuttavia, nella vita di tutti i giorni, siamo generalmente esposti a carichi di agenti patogeni inferiori. Per questo motivo molte persone decidono di non gettare via le maschere FFP2 usate privatamente dopo un solo utilizzo, come previsto, ma di indossarle più volte. Sulla base dei risultati della ricerca , si sottolinea che le persone che decidono di riutilizzare le maschere FFP2 in ambito privato possono farlo con un rischio ridotto, purché seguano determinate regole.

Se si desidera riutilizzare le proprie maschere FFP2, è possibile appenderle ad asciugare (nel frattempo, indossare un’altra maschera quando si trascorre del tempo in spazi pubblici). Dopo sette giorni, la quantità di coronavirus infettivo su una maschera è diminuita a un livello accettabile, tale da poter essere nuovamente riutilizzata dopo questo periodo. In base alle informazioni attuali, ciò non influisce negativamente sulla capacità di filtraggio della maschera.

Migliore protezione: non dimenticare di lavarti le mani!

Tutte le mascherine ffp2 e gli occhiali sono di scarsa utilità se vengono trascurati i principi igienici più importanti. Ad esempio, se torni a casa dopo un viaggio in autobus o in treno, dove hai toccato corrimani e maniglie, toglierti la maschera e grattarti il naso, senza prima averti igienizzato a dovere le mani, sarebbe come non averla portata per nulla.

È lo stesso al lavoro: se hai utilizzato la tastiera del computer tutta la mattina e poi vai a pranzo senza lavarti le mani utilizzando un buon gel disinfettante antibatterico, corri lo stesso rischio.

migliore mascherina ffp2

Maschere ffp2 | domande frequenti FAQ

D. Che differenza c’è tra mascherina ffp2 e ffp3?

R. Come indicato, la mascherina FFP2 deve filtrarne almeno il 94%, mentre le FFP3 il 99%.

D. Come si possono lavare le mascherine ffp2?

R. Le mascherine FFP2 si possono lavare in lavatrice fino a 10 volte, dopo di che vanno smaltite negli appositi contenitori.

D. Cosa significa kn95 sulle mascherine ffp2?

R. Sono certificate secondo la normativa GB 2626-2006 in vigore nella Repubblica Popolare CineseKN è la sigla che rappresenta la categoria dell’elemento filtrante presente nelle mascherine, il numero 95 indica la performance protettiva pari al 95%.

Mascherina ffp2 | conclusioni …

Per fortuna ne siamo quasi usciti, mi riferisco alla pandemia che dall’inizio del 2020 e fino alla fine del 2021 ci ha costretti a cambiare totalmente stile di vita. Le protezioni sul viso e mani ed in particolare la mascherina ffp2, hanno giocato e tutt’ora giocano, un ruolo fondamentale.

Una cosa è certa, da ora in poi staremo molto più attenti alla protezione delle vie respiratorie ed delle mani, cercando di utilizzare, quando possibile, uno di questi strumenti. Solo in questo modo ne usciremo in modo definitivo.

Ora voglio chiederti se e quali esperienze hai avuto con questi articoli, se ancora li porti e se ti sei trovato bene. In attesa di un tuo commento, ti lascio. Grazie. 🙂