Crema Solare scaduta: si può usare senza rischi e pericoli?

(Ultimo aggiornamento il: 14 Luglio 2020)

Crema Solare scaduta: solo perché ancora è li non significa che la puoi usare tranquillamente, oppure no? Ecco cosa ho scoperto e cosa dicono gli esperti sull’utilizzo della crema solare scaduta in questo 2021.

utilizzo della Crema Solare scaduta secondo gli esperti.

Ero abbastanza contento di avere la protezione solare per la prossima estate, fino quando non ho iniziato a chiedermi se, forse, avevo solo una crema solare scaduta tra le mani. Non intendo la crema idratante con SPF che indosso ogni giorno.

No, intendo lo stuolo di opzioni di protezione solare con SPF più alto che avevo nascosto appositamente per sciare e andare in spiaggia, cosa che faccio solo pochi giorni all’anno, oltre ad alcuni filtri solari fisici che uso sporadicamente per proteggere eventuali nuove cicatrici. Sfortunatamente, nel processo di scrittura di questo post ho visto che la mia crema solare scaduta, ma preferita dello scorso anno è effettivamente inutilizzabile.

Perché non dovresti usare la crema solare scaduta?

Proprio come non dovresti assumere farmaci scaduti, non dovresti usare la protezione solare scaduta. Una crema solare è un farmaco da banco – un farmaco – e dovrebbe essere considerata come tale, almeno questo è quello che dicono tutti i migliori dermatologi e studiosi del settore. Ma, forse non ci sarebbe nemmeno bisogno di loro per capire che un prodotto scaduto, specialmente se utilizzato sulla pelle, va smaltito e non assunto.

La cosa strana è che alcune confezioni di crema solare non arrivano con le date di scadenza. Anche se non è il tuo caso, la data può diventare sostanzialmente illeggibile nel tempo. Quindi perché dovresti comprare una nuova bottiglia di crema solare se la tua è scaduta e come puoi dire che è troppo vecchia se non sei sicuro? Qui, gli esperti rispondono a queste domande e altro ancora.

Crema solare scaduta: Ecco perché esistono le date di scadenza della protezione solare e come funzionano.

I prodotti chimici di qualsiasi tipo, compresa la crema solare, dopo lunghi periodi, perdono le loro caratteristiche principali, diventando infine meno potenti.

Pensa a quelle fragole di una settimana nel tuo frigorifero. Dopo essere state in frigorifero per così tanto tempo, iniziano a decadere. All’inizio, potresti ancora riconoscerle come tali, ma alla fine diventano ricoperte di muffa e non sembrano nemmeno più fragole.

È una storia simile con la tua crema solare scaduta. Alla fine, proprio come le tue fragole, tutti quei composti si rompono e la crema solare diventa inutile.

Perché è importante indicare le date di scadenza?

È qui che entrano in gioco le date di scadenza. Tutti i produttori di farmaci (compresi quelli che producono creme solari) devono eseguire test di stabilità prima di poter vendere i loro prodotti. Sulla base di tali test, possono presentare una domanda di farmaco con una data di scadenza proposta e istruzioni d’uso in modo da non rovinare accidentalmente la crema solare prima dell’arrivo di tale data.

L’agenzia nazionale del farmaco o AIFA, raccomanda ai produttori di farmaci di seguire linee guida standardizzate per i test di stabilità. Per riassumere, queste raccomandazioni chiedono essenzialmente ai produttori di esporre almeno tre lotti del prodotto a più condizioni di conservazione nel corso di mesi o anni. Quindi i produttori dovrebbero condurre tutti i tipi di test (fisici, chimici, microbiologici, ecc.) Per capire per quanto tempo i loro farmaci rimarranno affidabili ed efficaci in diverse condizioni nel tempo. (C’è una certa flessibilità in questi consigli, ma questa è la sostanza.)

Prodotto Consigliato:
L'Oréal Paris Sublime Sun Cellular Protect, Latte Solare Protezione Cellulare IP 30, 200 ml
  • Filtri avanzati Mexoryl SX e UVA lunghi per una protezione rinforzata
  • Arricchito con estratti di gelsomino e vitamina E, anti ossidanti contro i radicali liberi
  • Formula ipoallergenica adatta per pelli sensibili

Quindi dietro quella piccola data di scadenza sulla tua bottiglia di protezione solare c’è un grande sforzo scientifico per assicurarti che il farmaco sia il più efficace possibile fino a quel momento, ma non oltre. Questo è il motivo per cui si raccomanda a tutti di NON utilizzare la crema solare scaduta o appena raggiunge la data di scadenza.

OK, ma cosa succede se usi la crema solare scaduta?

Onestamente, è un’ipotesi che può succedere a chiunque, ed è per questo che probabilmente dovresti stare molto attento. Se usi la protezione solare dopo la data di scadenza, potrebbe avere ancora un pò di potere anti UV, ma non sarà la piena forza elencata sull’etichetta. Anche la protezione solare con un elevato SPF come 75 non può proteggerti in modo affidabile una volta scaduta. Non puoi sapere se la tua crema solare scaduta è scesa a 70 o, diciamo, a 5 a meno che tu non abbia un laboratorio chimico nella tua casa che puoi usare per analizzare il prodotto, nel qual caso, bello e possiamo venire?

La protezione solare non ha una bomba a orologeria incorporata che la renderà immediatamente inutile una volta scaduta. Ma dal momento che non c’è modo di sapere quanto (se presente) del suo SPF è rimasto inefficiente oltre la data di scadenza, qualsiasi crema solare scaduta dovrebbe essere considerata inutilizzabile.

Cosa succede se la protezione solare non ha una data di scadenza?

I filtri solari che non sono etichettati con le date di scadenza hanno dimostrato di rimanere stabili per almeno tre anni. Quindi qualsiasi protezione solare senza una data di scadenza indicata “dovrebbe essere considerata scaduta” tre anni dopo l’acquisto.

Una precisazione va fatta. Se acquisti una crema solare senza data di scadenza, sicuramente questa è stata messa negli scaffali già da un po di tempo. Quindi i tre anni dall’acquisto dovrebbero diventare non più di due.

Fondamentalmente se trovi un flacone per la protezione solare nella parte inferiore della borsa da spiaggia senza una data di scadenza e non hai idea di quando lo hai acquistato, potresti anche evitare di utilizzarlo.

Come con qualsiasi altra medicina, in caso di dubbio non si utilizza.

Lo stesso vale se la protezione solare non ha raggiunto la data di scadenza indicata o l’hai acquistata più di tre anni fa, ma il colore o la consistenza sono cambiati in modo strano. Questo può essere un segno che il prodotto non è più sicuro da utilizzare. A volte ciò può accadere prima del previsto se conservi la protezione solare in modo non consono.

Come e dove va conservata la crema solare?

Secondo le linee guida delle autorità sanitarie, dovresti conservare la protezione solare a temperatura ambiente per mantenere i prodotti chimici il più a lungo possibile. È una pratica difficile se la utilizzi, come giusto che sia, in spiaggia. (Ottimo lavoro, comunque.) In tal caso, si consiglia di avvolgere il contenitore per la protezione solare in un asciugamano o di riporlo nel frigorifero se ne hai uno. Sulla stessa linea, non dovresti conservare la protezione solare nella tua auto, dove può surriscaldarsi.

Se acquisti una protezione solare che non ha una data di scadenza, ti consiglio di scrivere la data di acquisto sul contenitore. Ciò ti aiuterà a farti un’idea migliore di quando tempo è possibile utilizzarla. (Anche se la tua protezione solare ha una data di scadenza, potresti voler riscrivere la data nel caso in cui quella originale svanisca.)

Infine, se non ami l’idea di acquistare la protezione solare senza una data di scadenza perché non sai quanto tempo potrebbe essere stata ferma sullo scaffale, potresti rimanere con i filtri solari che hanno elencato le date di scadenza. Oppure acquistare nuova protezione solare molto più frequentemente di una volta ogni tre anni. Come una volta all’anno proprio prima dell’estate quando è necessaria la massima protezione dal sole.

Quindi non è necessario acquistare una nuova crema solare ogni anno, ma probabilmente dovresti.

I dermatologi raccomandano di utilizzare tutta la crema solare entro la stagione, in modo tale che non scada e che svolga al massimo il compito per il quale è stata realizzata. È un ritornello comune per il derma: utilizza tutta la crema solare durante la stagione. La crema è ottima in quanto tutti gli ingredienti sono al massimo delle potenzialità.

Certo, questo tipo di cose dipende in qualche modo dalle tue abitudini, se preferisci trascorrere ogni fine settimana in compagnia di aria condizionata invece di divertirti al mare facendo il bagno e passare molto tempo all’aperto. Nel complesso, tuttavia, non sarebbe affatto male essere così diligenti nell’applicare la crema solare nel modo giusto e abbastanza spesso da non doverti nemmeno preoccupare che scada.

Conclusioni …

Il mare e la montagna sono mete preferite per passare alcuni giorni in santa pace. Ma attenzione ai danni provocati dai raggi solari. Se non sai che fototipo sei allora prima di qualsiasi altra cosa leggi questo mio articolo dove spiego le diverse iterazioni tra raggi solari e carnagioni.

Tornando a noi, è chiaro che utilizzare una crema solare scaduta non è una pratica da fare. Anche se vuoi risparmiare qualcosina, non lesinare su questo aspetto. Ne va della salute tua e della tua pelle. Quindi smaltisci tutte quelle scadute o che hanno più di due anni ed acquista le nuove creme solari che puoi trovare elencate anche qui sotto.