Crema Solare protezione 100: pro e contro guida acquisto

L’utilizzo di un’adeguata crema solare protezione 100, in teoria dovrebbe farti restare tranquillo su eventuali ustioni o problemi di scottature. Ma non è proprio così. Quello che trovi sulla confezione è pubblicità che deve vendere il prodotto. Se vai a fondo trovi qualcosa di diverso ed è per questo che ho voluto scavare e capire come stanno veramente le cose. Scopriamo tutto sulla migliore crema solare protezione 100 del 2021.

Classifica migliore crema solare protezione 100 secondo le recensioni clienti.

Cosa c’è di sbagliato in una crema solare protezione 100 o alto SPF?

I filtri solari ad alta protezione non solo compromettono la stessa ma, secondo la Food and Drug Administration, possono anche sovraesporre la pelle ai raggi UVA e aumentare il rischio di cancro. Nel 2019 la FDA ha proposto di limitare i valori del fattore di protezione solare, o SPF, a 60 e richiedere una maggiore protezione UVA (FDA 2019). Le regole proposte sono state eliminate con l’approvazione della legislazione sulla protezione solare.

Crema solare protezione 100: Perché quello che vedi non corrisponde alla realtà dei fatti?

Molti studi hanno scoperto che le persone sono fuorviate dalle affermazioni sulle confezioni di crema solare protezione 100. È più probabile che utilizzino i prodotti ad alto SPF in modo improprio e di conseguenza potrebbero esporsi a radiazioni ultraviolette più dannose. Questo rispetto alle persone che fanno affidamento su prodotti con valori di SPF inferiori. In alcuni studi che hanno confrontato i prodotti SPF 50 con SPF 100, le persone che hanno usato crema solare protezione 100 hanno avuto tassi di scottature solari leggermente più bassi, ma entrambi i gruppi avevano persone ustionate.

LEGGI ANCHE
Miglior Eyeliner occhi magnetico liquido o in gel, tu quale preferisci?

Il rapporto tra la protezione UVA diminuisce all’aumentare dell’SPF e la preoccupazione è che i prodotti con protezione più elevata portino a una maggiore esposizione agli UVA e potenzialmente a danni alla pelle a lungo termine. Le preoccupazioni relative alla sovraesposizione alle radiazioni UVA e ai consumatori indotti in errore sono le ragioni per cui la FDA ha proposto un limite SPF nel 2019.

Le persone si fidano troppo di una crema solare protezione 100

Esistono cinque avvertimenti chiave contro i valori SPF superiori a 50. Includono:

1. Scarso equilibrio

Le sostanze chimiche che formano l’SPF di un prodotto mirano a bloccare i raggi UVB, la principale causa di scottature solari e tumori della pelle non melanoma, come il carcinoma a cellule squamose (von Thaler 2010). I raggi UVA penetrano più profondamente nella pelle e sono più difficili da bloccare con gli ingredienti per la crema solare protezione 100 approvati. L’esposizione ai raggi UVA sopprime il sistema immunitario, provoca la formazione di radicali liberi dannosi nella pelle ed è associata a un rischio maggiore di sviluppare melanoma.

La classificazione SPF di una crema solare ha poco a che fare con la sua capacità di proteggere la pelle dai raggi UVA. A causa delle restrizioni sugli ingredienti e sulle concentrazioni, i filtri solari offrono una minore protezione contro i raggi UVA rispetto ai raggi UVB. Questo è peggio per i prodotti con i più alti valori di SPF. Poiché la protezione UVA e UVB non si armonizza, i prodotti ad alto SPF sopprimono le scottature solari in modo molto più efficace rispetto ad altri tipi di danni solari.

Cinque importanti scienziati della protezione solare hanno testato 20 filtri solari statunitensi per la protezione UVA e UVB e hanno scoperto che solo due dei sette con valori SPF di 50+ e superiori avrebbero superato il test europeo per la protezione UVA (Wang 2017). I restanti cinque non fornivano una protezione UVA sufficiente per essere venduti in Europa.

LEGGI ANCHE
Migliore Crema Antimacchie Viso: come trattare le macchie viso

2. I consumatori abusano dei prodotti ad alto SPF

I prodotti ad alto SPF tendono a indurre gli utenti a rimanere al sole più a lungo con un falso senso di sicurezza e sovraesporre se stessi ai raggi UVA e UVB ben oltre il punto di non ritorno. Di conseguenza, ottengono altrettante scottature provocate dai raggi UVB quanto i bagnanti non protetti e probabilmente assorbiranno radiazioni UVA più dannose.

Philippe Autier, uno scienziato precedentemente dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha condotto numerosi studi sui bagnanti e ritiene che i prodotti ad alto SPF stimolino “profondi cambiamenti nel comportamento del sole” che potrebbero spiegare l’aumento del rischio di melanoma riscontrato in alcuni studi.

In due studi, Autier ha confermato che i vacanzieri europei trascorrevano più tempo totale al sole se ricevevano una protezione solare SPF 30 anziché un prodotto SPF 10 (Autier 1999, 2000). Supponiamo che la differenza si applichi anche ai prodotti con valori SPF superiori a 50.

3. Protezione dalle scottature che è solo leggermente migliore.

I bagnanti spesso pensano di assumere una protezione doppia cospargendosi di crema solare protezione 100 rispetto a quella SPF 50. Ma la protezione aggiuntiva è trascurabile. La protezione solare SPF 50 correttamente applicata blocca il 98 percento dei raggi UVB; SPF 100 blocca il 99 percento. Se usato correttamente, la protezione solare con valori SPF compresi tra 30 e 50 offre un’adeguata protezione contro le scottature, anche per le persone con pelli più sensibili.

4. I prodotti ad alto SPF potrebbero non essere realmente come descritti

Quando Procter & Gamble ha testato crema solare protezione 100 di un concorrente in cinque diversi laboratori, i risultati sono variati, da SPF 37 a SPF 75. La società ha stabilito che una piccolissima differenza nelle condizioni di test può influenzare notevolmente l’SPF calcolato. In questo caso, una variazione dell’1,7% nella trasmissione della luce produce una misurazione SPF di 37 anziché 100. Piccole differenze nello spessore dell’applicazione potrebbero avere un effetto simile. A causa del modo in cui vengono calcolati i valori SPF, questi errori sarebbero più drammatici per i prodotti ad alto SPF.

LEGGI ANCHE
Migliori 4 Shampoo Anticaduta per uomo e donna che funzionano davvero
OffertaProdotto Consigliato:
Angstrom Protect Crema Solare Viso, Protezione viso 50+ con Azione Ultra Idratante, Nutriente e Duratura, Indicata per Pelli Sensibili, 50 ml
  • Per una corretta esposizione al sole: questa crema abbronzante viso non solo protegge la vostra pelle grazie ai filtri fotostabili solari UVA/UVB avanzati, ma inoltre rende l`abbronzatura ottima
  • Dermatologicamente testata: grazie alla formula Total Tanning System, un complesso naturale del TTS, il processo di abbronzatura sarà rapido, intensivo e prolungato
  • Per una pelle morbida e nutrita: gli speciali anti-ossidanti contenuti nella formulazione contrastano la formazione di rughe e la sua funzione idratante dona un effetto di sollievo alla vostra cute
  • Applicazione: applicare in modo uniforme sul viso prima dell`esposizione al sole; ripetere l’applicazione in caso di bagni prolungati, forte traspirazione o dopo l`utilizzo dell`asciugamano
  • Angstrom offre una gamma di prodotti dermatologicamente testati per un approccio educativo e scientifico all’abbronzatura; pensati anche per pelli delicate, per offrire un effetto di sollievo a tutti

In una lettera alla FDA, P&G ha avvertito che l’intensa luce UV utilizzata nei test di laboratorio di SPF differisce dalle condizioni del mondo reale e quindi ha un “valore dubbio”. La società ha concluso che i valori SPF dovrebbero essere limitati a 50+, poiché l’attuale sistema è “nella migliore delle ipotesi fuorviante per i consumatori” e “può influenzare in modo inappropriato la loro decisione di acquisto” (P&G 2011).

5. I prodotti ad alto SPF possono comportare maggiori rischi per la salute.

I prodotti ad alto SPF richiedono concentrazioni più elevate di sostanze chimiche che filtrano il sole rispetto ai filtri solari a basso SPF. Alcuni di questi ingredienti possono presentare rischi per la salute quando penetrano nella pelle e sono stati collegati a danni ai tessuti e potenziali interruzioni ormonali. Alcuni possono scatenare reazioni allergiche cutanee. Se gli studi dimostrassero che i prodotti ad alto SPF erano migliori nel ridurre i danni alla pelle e il rischio di cancro della pelle, l’esposizione chimica aggiuntiva potrebbe essere giustificata. Ma non lo fanno, quindi la scelta di creme solari con concentrazioni più basse di ingredienti attivi, ad esempio SPF 30 anziché SPF 70, è la scelta più prudente.

La FDA ha a lungo sostenuto che SPF superiore a 50 è “intrinsecamente fuorviante” (FDA 2007). Le autorità australiane limitano i valori SPF a 30, i regolatori europei e giapponesi a 50 (Osterwalder 2009b) e il Canada consente un massimo di 50+. Nel 2011, la FDA ha proposto un regolamento che vieta le etichette superiori a SPF 50+; tuttavia, nella sua bozza finale della monografia dei filtri solari, pubblicata nel 2019, l’agenzia ha proposto di aumentare il limite a 60+. Secondo l’agenzia, esiste una “mancanza di dati che dimostrano che i filtri solari con valori di SPF superiori a 60 forniscono ulteriori benefici clinici significativi”. EWG ritiene che la FDA dovrebbe riconsiderare questa modifica e limitare invece i valori a 50+.

LEGGI ANCHE
Colori Unghie: i più utilizzati nelle manicure delle star

Conclusioni …

Ora la domanda nasce spontanea: quindi la crema solare protezione 100 è solamente una questione di marketing e nulla di più. Noi, per rimanere nel giusto, continueremo ad utilizzare una SPF non superiore di 50. Dopo una esposizione prolungata con un’adeguata protezione solare è consigliabile utilizzare una serie di prodotti dedicati alla pelle sia del viso che del corpo. Provare una crema alla bava di lumache oppure utilizzare un’ottima maschera viso, produce effetti molto rigeneranti.

Molto dipende anche dal fototipo, ovvero dalle caratteristiche e alla risposta che la nostra pelle ha nei confronti dei raggi solari.

Esistono 6 tipologie di fototipo e sono:

  • 1: capelli biondo-rossi, occhi chiari, carnagione chiara con lentiggini, estremamente sensibile al sole, si scotta sempre, non si abbronza mai.
  • 2: capelli biondi o castano chiaro, occhi chiari, carnagione chiara, spesso presenza di lentiggini, sensibile al sole, cioè si scotta con facilità e si abbronza con difficoltà.
  • 3: capelli castani, occhi marroni o chiari, carnagione moderatamente scura, può scottarsi, ma si abbronza.
  • 4: capelli castano scuro o neri, occhi scuri, carnagione olivastra, si scotta di rado, si abbronza con facilità.
  • 5: capelli neri, occhi scuri, carnagione bruno olivastra, si abbronza intensamente.
  • 6: capelli neri, occhi neri, carnagione nera, non si scotta mai, soggetto di razza nera.

Capire il tuo fototipo fa la differenza e quindi prima di esporti, cerca di comprendere che tipo sei ed adotta le giuste precauzioni. Bene ora sei pronto per stenderti ed abbronzarti.

I prezzi e la disponibilità dei prodotti sono accurati alla data/ora indicata sotto e sono soggetti a modifica. Ultimo aggiornamento 2021-04-02

articolo precedenteMacchina da caffè in capsule: Quale scelgo come migliore?
articolo successivoCrema Solare scaduta: si può usare senza rischi e pericoli?