Come Scegliere La Stufa a Pellet Migliore per la tua casa

(Ultimo aggiornamento il: 4 Giugno 2020)

Stufa a pellet o a legna? Bel dilemma. La scelta va fatta in base ad alcune caratteristiche che più si addicono al tuo stile di vita ed alla tua abitazione. Ho cercato di analizzare pro e contro e principali peculiarità di questi strumenti per riscaldare le nostre abitazioni del 2021.

Classifica miglior Stufa a Pellet secondo le recensioni clienti.

Se stai cercando una nuova fonte di riscaldamento per la tua casa conveniente, dovresti leggere le recensioni della stufa a pellet. Queste particolari stufe sono bruciatori a combustibile di tipo fornace e usano pellet di legno venduti soprattutto per queste. Sono facili da usare e disponibili in una varietà di stili e design per permetterti di sceglierne una che si abbinerà benissimo allo stile della tua casa.

Le stufe a pellet sono abbastanza diverse da qualsiasi altra stufa a legna che potresti aver usato in passato. Quindi, se non hai ancora familiarità con la stufa a pellet, dovresti continuare a leggere. Scopri perché così tante persone in tutto il mondo scelgono stufe a pellet per riscaldare le loro case. Ti abbiamo fornito un’utile guida all’acquisto per aiutarti a ricordare tutte le cose da considerare al momento dell’acquisto. In questo modo puoi trovare la migliore stufa alimentata a pellet per la tua famiglia.

Stufa a pellet: ma cos’è questa tipologia di combustibile?

Il pellet è un tipo di combustibile che viene creato comprimendo la biomassa. Di solito sono fatti di legno, ma puoi trovarne anche di rifiuti agricoli, rifiuti alimentari, colture e legname.

Il pellet di legno sono realizzati con segatura di scarto che viene solitamente raccolta come sottoprodotto industriale. I processi di produzione di mobili e altri prodotti in legno sono i luoghi migliori da cui raccogliere la segatura, ma altre materie naturali che possono essere utilizzate, tra cui gusci di cocco, e le estremità dei rami che vengono scartate dal processo di registrazione. La segatura viene compressa strettamente per formare una forma di pellet.

Che forma ha il pellet usato per le stufe?

Poiché i pellet sono piccoli e hanno forma e dimensioni uniformi, sono perfetti per essere alimentati con precisione in un bruciatore o in una coclea. Le proprietà compresse del combustibile significano anche che i pellet sono relativamente densi e, come tali, sono compatti da immagazzinare e spostarsi da una posizione all’altra. Le loro dimensioni ridotte consentono loro di essere facilmente proiettati in massa su un silo di stoccaggio o simili da un veicolo di grandi dimensioni come una nave cisterna.

I pellet sono i pezzi di combustibile necessari per generare il calore nelle stufe a pellet. Questi vengono immessi in una tramoggia e diverse stufe ne possono contenere contemporaneamente diverse quantità.

Stufe a pellet: come funzionano

Le stufe a pellet possono sembrare semplici quando vengono installate in casa, ma in realtà hanno un metodo di funzionamento complesso per garantire che sia possibile controllare il calore e la velocità con cui vengono bruciati i trucioli compressi.

  • Una tramoggia viene caricata di pellet. Questi verranno prelevati lentamente dalla tramoggia fino a quando non sarà necessario rifornire la fornitura.
  • Una coclea è collegata alla tramoggia e alimenta lentamente i pellet dalla tramoggia alla camera di combustione. Se scegli una stufa che ha un termostato, la velocità di avanzamento determinerà quanto brucia il fuoco. Le velocità più basse della coclea erogheranno i pellet più lentamente, dando un calore più delicato, mentre una maggiore velocità della coclea farà sì che il fuoco possa diventare più caldo.
  • La camera di combustione contiene una pentola o un anello del bruciatore ed è qui che la coclea eroga i pellet. L’aria viene soffiata nella camera di combustione per mantenere la fiamma. Mentre alcune stufe a pellet hanno una fiamma autoaccendente, ce ne sono molte che hanno anche un’accensione manuale.
  • Lo scambiatore di calore è collegato alla camera di combustione. L’aria dalla stanza viene soffiata sullo scambiatore di calore e la corrente di convezione invia aria calda attraverso lo scambiatore di calore. L’aria viene quindi restituita alla stanza ma viene riscaldata.

Vantaggi della combustione del pellet

Vi sono numerosi vantaggi e svantaggi delle stufe a pellet rispetto a qualsiasi altro apparecchio a combustione. Ecco i maggiori vantaggi;

  • Riduzione delle emissioni di carbonio: la combustione di pellet produce molte meno emissioni di carbonio rispetto ad altri combustibili, inclusi petrolio, tronchi e gas.
  • Efficace– Mentre alcune persone affermano che i riscaldatori a combustibile fossile sono i più caldi, nella realtà, i pellet possono produrre tanto calore quanto le loro controparti che bruciano combustibili fossili.
  • Prezzi stabili – I pellet di legno sono economici da acquistare e il bello è che, a differenza di tutti gli altri tipi di carburante, non subiscono drammatiche fluttuazioni dei prezzi durante tutto l’anno. Con prezzi più stabili, è più facile pianificare i costi di una stufa a pellet. Sono anche ampiamente disponibili in tutto il paese, quindi non è difficile procurarsi pellet, anche in caso di emergenza.
  • Efficiente – Le stufe a pellet stanno diventando sempre più efficienti dal punto di vista energetico. Alcuni di quelli più avanzati hanno un tasso di efficienza fino al 95%, che è migliore di qualsiasi altro riscaldatore a combustione alternativa.

Ed ancora …

  • Adatto a chi vive “fuori dalla rete” – Le stufe e i bruciatori a pellet sono una scelta adatta per coloro che vivono al di fuori della rete nazionale. Sebbene la maggior parte delle stufe a pellet utilizzino l’elettricità per alimentare un ventilatore sulla stufa, alcune persone possono scegliere di utilizzare il pellet in un bruciatore che non richiede elettricità.
  • Semplice da usare – Se hai mai usato un’altra forma di riscaldamento, scoprirai che è facile passare dal tuo vecchio riscaldatore a una stufa a pellet. Il loro funzionamento non è molto, quindi anche se non hai il manuale di istruzioni per la stufa a pellet, scoprirai che sarai in grado di gestirlo senza problemi.
  • Controllabile – Le stufe a pellet sono completamente controllabili grazie alle impostazioni di calore e alla velocità della ventola. Abbassare il calore significa che sarai in grado di utilizzare i pellet più lentamente e abbassando la ventola potrai goderti un calore più confortevole. Se sei seduto nella stessa stanza della stufa a pellet, sarai in grado di abbassare la temperatura in modo che l’aria sia più piacevole.

Guida all’acquisto: scelta della giusta stufa a pellet

Efficienza e potenza

Quando stai cercando la migliore stufa a pellet per la tua casa, dovresti assicurarti che abbia le dimensioni giuste non solo per adattarsi alla tua casa ma che riscaldi correttamente lo spazio. Una stufa a pellet ti darà una valutazione in base alla capacità della stufa di riscaldare la tua casa. Questo valore di potenza termica ti farà sapere quanto bene la stufa può riscaldare la tua stanza o casa. Dovresti aspettarti che una stufa a pellet abbia una potenza nominale BTU compresa tra 40.000 e 50.000 BTU, ma questo può variare leggermente. La maggior parte delle stufe a pellet sono efficienti dal 75% al ​​90% circa.

Tuttavia, è necessario ricordare che le cifre fornite dal produttore per questi valori non significano necessariamente che la stufa soddisferà esattamente queste aspettative. Le classificazioni del produttore sono fornite in base alle condizioni ideali, quindi non è possibile continuare semplicemente con la BTU e i dati sull’efficienza.

Ricordati di scegliere la tua stufa a pellet in base a:

  • Lo scopo della stufa – Vuoi riscaldare una stanza o vuoi che la stufa sia in grado di generare abbastanza calore per una piccola casa?
  • La posizione della stufa – Se si desidera ottenere i migliori risultati possibili dalla stufa, è necessario assicurarsi che sia posizionata in una buona posizione nella propria stanza. Se è in un angolo che è ostruito da una disposizione insolita della stanza, ad esempio, è improbabile che il calore circoli molto bene attorno al resto della stanza e della casa.
  • Le tue preferenze – La tua idea di una piacevole quantità di calore può essere molto diversa da quella di qualcun altro. Se ti piace essere molto caldo quando ti rilassi a casa, probabilmente non ti dispiacerà una stufa a pellet che riscalda rapidamente la stanza, ma se non ti piace troppo calore, dovresti sceglierne uno a temperatura variabile controllo.

Tipo di pellet

Prima di acquistare la tua stufa a pellet, dovresti assicurarti di essere in grado di ottenere il carburante di cui avrai bisogno per alimentarlo. Mentre i pellet sono abbastanza facili da trovare nella maggior parte dei luoghi, dovresti controllare prima di acquistare per assicurarti di ottenere il miglior tipo.

Di solito ci sono diversi tipi di pellet che puoi scegliere. Il legno è di solito il tipo più popolare di pellet. Questi sono disponibili in qualità premium e standard. Scoprirai che i pellet premium sono più costosi di quelli standard ma di solito offrono vantaggi come tempi di combustione più lunghi e legno di migliore qualità.

Puoi anche scegliere altri tipi di pellet tra cui mais o guscio di noce di cocco. Dipende dallo stock nella tua zona e da ciò che è a tua disposizione, ma i tipi di pellet che potrai acquistare influenzeranno il tipo di stufa di cui avrai bisogno e i costi di gestione.

È una buona idea trovare un fornitore in grado di garantire un prezzo prima di impegnarsi ad acquistare una stufa a pellet. Dovresti anche tenere presente il peso del sacco di pellet. La stufa che acquisti avrà una tramoggia che ha una certa capacità. Una volta aperta una busta di pellet, è una buona idea metterli tutti nella tramoggia in modo che i pellet non si bagnino o vengano rovesciati. Le dimensioni delle borse che acquisti dipenderanno dalle dimensioni della tramoggia fornita dalla tua stufa.

Manutenzione

Le stufe a pellet non sono così semplici come sembrano. Piuttosto che essere semplicemente un bruciatore di carburante, questi apparecchi hanno molte parti in movimento e, di conseguenza, ci sono molte cose che potrebbero non funzionare bene. Per garantire che la tua stufa a pellet duri il più a lungo possibile, dovrai assicurarti di poter continuare con la manutenzione. Quando stai cercando una di queste stufe, dovresti prendere nota del metodo per pulire l’apparecchio. La maggior parte di essi è dotata di un comodo cassetto per la cenere che può essere semplicemente ribaltato o aspirato quotidianamente o settimanalmente e ciò garantirà che le ceneri di scarto non ostruiscano il riscaldamento.

È inoltre possibile acquistare stufe con vetro autopulente. Il vetro che diventa annebbiato di carbonio può essere difficile da pulire, quindi se la stufa a pellet ha un vetro che rimarrà pulito, questo ridurrà la quantità di pulizia che dovrai fare.

È necessario assicurarsi di poter acquistare parti per la stufa a pellet una volta acquistata. Se qualcosa va storto e non riesci a procurarti la parte necessaria, finirai per sostituire l’intera stufa, il che è un processo costoso.

Per mantenere in buone condizioni la stufa a pellet, è necessario farla revisionare regolarmente da un professionista abilitato. Se è un’opzione, potresti persino scegliere di abbonarti a un piano di assistenza e riparazione.

Tramoggia superiore o inferiore?

Per caricare il pellet nello scivolo di alimentazione e nel bruciatore, tutte le stufe a pellet sono dotate di una tramoggia integrata. Questa è una camera che deve essere caricata con pellet prima di accendere la stufa. La tramoggia può essere posizionata nella parte superiore o inferiore della stufa. Ci sono pro e contro di entrambi questi metodi di alimentazione.

Una tramoggia nella parte superiore della stufa a pellet sarà in grado di offrire una minore possibilità di incendio dall’area di combustione che si diffonde nella tramoggia. Tuttavia, dovrai utilizzare pellet di alta qualità per evitare che lo scivolo si ostruisca con la cenere. Può essere più sicuro che la tramoggia sia nella parte superiore. Soprattutto se hai bambini è più difficile aprire la tramoggia se è in cima.

Se scegli una stufa a pellet che ha una tramoggia che si trova nella parte inferiore della stufa, sarai in grado di caricarlo più facilmente. Sarai anche in grado di utilizzare un grado inferiore di pellet. La cenere viene spinta direttamente nel portacenere e non finirà nello scivolo. Le tramogge di posizione inferiore non sono altrettanto efficienti di quelle di alimentazione superiore. Pertanto, potresti scoprire che i sacchetti di pellet non ti durano a lungo.

Aspetto e stile

C’è una vasta scelta di stili e finiture quando si tratta di scegliere la tua stufa, quindi sei obbligato a trovare qualcosa che si adatti bene all’aspetto esistente della tua casa. Dalle stufe a pellet autoportanti agli inserti per caminetti, troverai anche molti design diversi in modo da poter acquistare la stufa a pellet che soddisferà lo scopo di cui hai bisogno.

Dovresti cercare stufe che hanno finestre di visualizzazione extra-large se vuoi davvero avere una fiamma vivace nella tua casa poiché molte stufe a pellet hanno solo una fiamma più piccola che potrebbe non fare l’impressione che desideri.

Assicurati di acquistare una stufa realizzata con materiali di alta qualità in modo che il tuo nuovo riscaldatore possa durare il più a lungo possibile.

Prodotto Consigliato:
STUFA A PELLET VENTILATA CANADA 14 KW, 130 MQ di Superficie riscaldabile (BIANCO)
  • Prodotto 100% italiano. 24 mesi di garanzia. Certificata 4 stelle secondo i requisiti di emissioni e rendimento della certificazione Aria Pulita
  • 5 livelli di potenza, 5 velocità di ventilazione, programmabile con 3 accensioni e spegnimenti giornalieri
  • Dimensioni (cm): H. 115, L. 57, P. 55
  • Autonomia max: 30 h, Rumorosità: EN 15036-1: 34dB. Canalizzabile in fase di montaggio o successivamente.
  • Possibilità di detrazione fiscale al 50% (Decreto 83/2012)

Stufa a legna vs. Stufa a pellet

Costo

Una stufa a legna costa circa dai 3.000 ai 4.000 euro, inclusa un’installazione professionale per un modello di fascia media. Se desideri una stufa a legna di alta qualità, potrebbe costare di più come 5.000 euro. Il costo dell’installazione può essere notevolmente ridotto se si dispone già di un camino, ma potrebbe essere necessario eseguire alcuni lavori per garantire che fornisca una ventilazione sicura e adeguata. D’altra parte, le stufe a pellet costeranno circa 1.500 – 3.000 euro e una volta installata, potrebbe costare fino a 4.000 euro. Le stufe a pellet possono essere più costose da gestire, tuttavia, soprattutto se si dispone di una scorta di legna da ardere gratuita che è prontamente disponibile.

Energia

Quando acquisti una stufa a legna, non dovrai preoccuparti di nessun’altra energia o combustibile oltre al legno di cui ha bisogno per generare calore. Quando si sceglie una stufa a pellet, è necessario assicurarsi che sia vicino a una presa elettrica in modo che la stufa possa avere energia per la coclea.

Emissioni

Quando scegli una moderna stufa a legna, sarà regolata da norme rigorose. Dovrà inoltre essere ventilato con cura per evitare di emettere gas nocivi in ​​casa. Le stufe a pellet non emettono praticamente fumo rispetto alle stufe a legna e questo significa che sono molto migliori per l’ambiente. Sono anche più sicuri da usare a casa tua.

Sicurezza

Poiché le stufe a legna sono aperte e bruciano legna con una grande fiamma, possono spesso emettere scintille e se queste vengono a contatto con il tappeto, ad esempio, potrebbe potenzialmente provocare un incendio in casa. Le stufe a pellet, d’altra parte, hanno uno schermo in vetro ceramico che consente di vedere le fiamme, ma non c’è il rischio che le scintille vengano inviate nella stanza, rendendole più sicure delle stufe a legna.

Ho bisogno di corrente elettrica per far funzionare una stufa a pellet?

Quando guardi le stufe a pellet per la prima volta, potresti essere ingannato nel pensare che funzionino solo con pellet di legno, ma non è così. In realtà, ci sono alcune parti essenziali di queste stufe che richiedono elettricità per funzionare.

Prima di tutto, c’è qualcosa chiamato tramoggia. La tramoggia è dove si posizionano i pellet pronti per essere bruciati nella stufa. Per spostarli nella camera di combustione, è necessario alimentare lo scivolo di erogazione a spirale, quindi ciò richiede una piccola quantità di elettricità.

Inoltre, la stufa a pellet ha bisogno di un modo per distribuire il calore in casa. Per questo, ci sarà un ventilatore integrato nella stufa a pellet. Alcune ventole hanno impostazioni di velocità multiple in modo da poter modificare la potenza termica per il massimo comfort. Per alimentare la ventola è necessaria una piccola quantità di elettricità.

Quando si sente per la prima volta che una stufa a pellet richiede elettricità per funzionare, questo può sembrare un pò scoraggiante poiché i pannelli elettrici sono molto costosi per funzionare. Quello che devi ricordare è che questi sono completamente alimentati dall’elettricità e richiedono fino a 1,5 kW di potenza per creare qualsiasi tipo di calore nella tua stanza. Con una stufa a pellet, il calore effettivo viene generato dai pellet, quindi è richiesta meno elettricità. Invece, puoi aspettarti che la stufa a pellet utilizzi circa 2 o 3 watt di elettricità per essere alimentata.

Consigli per la sicurezza da leggere

Non lasciare mai bambini o animali da soli intorno alle stufe a pellet quando sono accese. Prestare particolare attenzione al vetro ceramico nella parte anteriore della stufa poiché può diventare molto caldo quando la stufa è accesa.

Se ci sono bambini più piccoli nella tua casa o se hai animali domestici che si divertono a rilassarsi vicino alla stufa, sarebbe una buona idea non lasciarli mai soli vicino alla stufa. Dovresti installare un rilevatore di monossido di carbonio per evitare eventuali livelli pericolosi all’interno della tua casa se sprovvista di buona ventilazione.

Assicurati di smaltire le ceneri in un contenitore in modo che non vi siano possibilità che possano provocare un incendio. Idealmente, dovresti usare un contenitore di metallo con un coperchio. Tenere le ceneri lontano da altri rifiuti domestici. Il contenitore non deve essere conservato in casa.

Attenzione alla manutenzione

La tua stufa deve essere sottoposta a manutenzione una volta all’anno. Ciò garantirà il corretto funzionamento e il professionista sarà in grado di controllare la ventilazione e altri aspetti di sicurezza. Dovresti anche fare attenzione a controllare le aree che puoi vedere per eventuali accumuli di cenere. Prestare particolare attenzione a eventuali fori d’aria nella stufa che potrebbero essere intasati.

Leggi le istruzioni fornite con la tua stufa a pellet. Sebbene queste funzionino in modo simile tra loro, non esistono due modelli uguali, quindi è necessario seguire sempre le istruzioni del produttore.

Per essere il più sicuro possibile quando si utilizza questa sfufa, utilizzare solo i pellet consigliati. Il manuale di istruzioni specificherà quale tipo da utilizzare. Se si utilizza un pellet alternativo a quello raccomandato, è possibile che ciò si traduca in una riduzione dell’efficienza e più fumo.

Installazione della stufa a pellet in 5 semplici passaggi

In realtà puoi installare una stufa a pellet da solo se te la cavi in lavori fai da te. Ecco come;

1. Braciere

Il braciere è l’area in cui vengono bruciati i pellet e viene prodotto il calore. È comune che le prese d’aria si ostruiscano con la cenere durante il processo di combustione, quindi è importante controllare frequentemente le prese d’aria per assicurarsi che non siano bloccate. Inoltre, è necessario pulire periodicamente la pentola per mantenere la stufa a pellet il più pulita ed efficace possibile.

2. Cassetto raccolta cenere

Il cassetto della cenere è il punto in cui le ceneri si depositano dopo che i pellet sono stati bruciati. Solitamente è facile rimuovere la bacinella o il cassetto in modo da poterla pulire frequentemente. Dovresti cercare di ricordare di svuotare il cassetto cenere prima di avviare la stufa. È pericoloso provare a pulire il cassetto quando la stufa è appena stata accesa poiché le ceneri saranno ancora calde. Quindi, dai sempre il tempo alla cenere di raffreddarsi. Con alcune delle più recenti stufe a pellet, non è necessario svuotare il cassetto cenere più di una volta ogni due settimane o un mese. Pertanto, è necessario consultare il manuale dell’utente per informazioni al riguardo.

3. Scambiatore di calore

Proprio accanto alla camera di combustione si trova lo scambiatore di calore. Questa parte trasferisce il calore dal bruciatore e gli consente di fuoriuscire come aria calda pulita. Un certo numero di tubi è generalmente interconnesso per consentire questo processo. Di conseguenza, l’aria calda può passare attraverso, depositando eventuali particelle indesiderate nei tubi. Questo processo può portare ad un accumulo di cenere nei tubi. Pertanto, è importante pulire regolarmente i tubi per garantire che l’aria calda che fuoriesce dalla stufa sia il più pulita possibile.

La frequenza con cui dovrai pulire i tubi dello scambiatore di calore varierà da una stufa all’altra, quindi, di nuovo, è una buona idea controllare il manuale di istruzioni per scoprire con quale frequenza si consiglia di farlo.

4. Schermo in vetro ceramico

Dovresti provare ad acquistare una stufa dotata di uno schermo di visualizzazione. Ciò assicurerà che sia il più semplice possibile da pulire. Se si dispone di uno schermo di visualizzazione con lavaggio ad aria, è sufficiente utilizzare un semplice detergente per vetri. Se hai uno schermo in vetro standard, probabilmente dovresti pulirlo più frequentemente. Mantenere il vetro più pulito sarà notevolmente più difficile in confronto.

5. Tramoggia e coclea

Anche se non dovrebbe essere necessario pulirlo troppo spesso, dovresti controllare la tramoggia con una certa frequenza. Questa segatura sciolta si stacca dalle palline e si raccoglie sul fondo ed è nota come multe. È necessario consentire la fornitura di pellet alla tramoggia e alla coclea per esaurirsi completamente di volta in volta. Aiuterà a bruciare eventuali multe dalla coclea stessa. Ciò impedirà la formazione di troppi residui. Altrimenti, può eventualmente portare a blocchi, che possono essere difficili da rimuovere e causare danni alle parti.

FAQs

Il legno può essere bruciato in una stufa a pellet?

Non proprio. Non è consigliabile provare ad aggiungere tronchi all’interno di una stufa a pellet. Questo apparecchio è stato creato appositamente per bruciare pellet. Altri tipi di combustibile come il legno potrebbero essere aggiunti alla stufa. Tuttavia, la fiamma non sarà efficiente quanto lo è quando si aggiungono i pellet. In una stufa a pellet, c’è una tramoggia dove aggiungi i pellet, che verranno poi aggiunti nella camera di combustione.

La chiave è introdurre gradualmente i pellet nella camera e non tutti in una volta. Ciò creerà una fiamma molto efficiente in quanto vi sono ventole che aumentano l’intensità della fiamma. La stessa cosa non si applica se aggiungi qualcos’altro oltre alle palline.

2. Quanto tempo dura il pellet dentro la sua stufa?

In media, il tempo di permanenza dei pellet all’interno della stufa dipende da diversi fattori. Alcune sono le impostazioni che stai utilizzando, il tipo di pellet, il tipo di stufa e così via. In un unico sacchetto, puoi ottenere fino a 15-16 ore di tempo di combustione se accendi la stufa con impostazioni più elevate. Ma con impostazioni più basse e pellet di qualità superiore, puoi persino superare quel tempo e raggiungere il tempo di combustione di 24 ore o anche più a lungo da un sacchetto. Tieni presente che, in generale, una famiglia di 4 persone può bruciare 3 tonnellate di pellet durante l’inverno.

3. Le stufe a pellet sono ecologiche?

La risposta è sì, le stufe a pellet sono ecologiche. Queste stufe utilizzano combustibile rinnovabile. Ci sono molte opzioni tra cui scegliere per quanto riguarda il carburante che puoi usare. Funziona fondamentalmente con carburante non fossile. Pertanto, è un’ottima alternativa per le persone che vogliono rimanere rispettose dell’ambiente. Inoltre, i pellet di grano sono creati dalle parti inutilizzabili della pianta, mentre i pellet di legno sono fatti di segatura e scarti di scarto. Per questo motivo, puoi contribuire a mantenere i rifiuti fuori dalle discariche e contribuire a costruire un ambiente migliore.

3. È possibile avvelenarsi da monossido di carbonio da una stufa a pellet?

Quando vengono immagazzinati pellet di legno, può esserci un rilascio di gas monossido di carbonio che può essere molto tossico e portare ad avvelenamento. Questo è il motivo per cui i pellet dovrebbero essere conservati fuori casa, in un luogo sufficientemente ventilato e senza accesso da parte di bambini e animali domestici. Sebbene il riscaldamento con pellet sia un ottimo modo per mantenere incolume l’ambiente, i pellet potrebbero invece danneggiarti se non conservati correttamente. Avvisa tutti i membri della tua famiglia a riguardo, per assicurarsi che non accada nulla di brutto.

Conclusioni …

Con una vasta gamma di stili e design, sei obbligato a trovare la migliore stufa a pellet per la tua casa. Dovresti assicurarti di considerare tutte le aree che abbiamo evidenziato in questa guida all’acquisto in modo da avere le migliori possibilità di scegliere un apparecchio che durerà a lungo.

Sia che tu voglia un riscaldamento confortevole o una stufa sufficientemente potente da riscaldare tutta la tua casa, avrai sicuramente dei grandi suggerimenti tra le recensioni delle nostre stufe a pellet. Anche se questo non è un ampio elenco di opzioni disponibili, è un buon inizio con alcune idee su quali tipi di stufe sono disponibili sul mercato. Assicurati di controllare il grado di efficienza e la potenza della stufa a pellet che stai per acquistare in modo da sapere se sarà adatto per la tua casa.